Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Stoccare il gas per frenare i rincari: ecco il piano UE per bloccare l'aumento delle bollette

© Foto : CC-BY-NC-SA 3.0 IT / Presidenza del Consiglio dei MinistriIl Presidente del Consiglio, Mario Draghi, accoglie a Villa Pamphilj la Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen in occasione del Global Health Summit. 21 May 2021, Rome
Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, accoglie a Villa Pamphilj la Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen in occasione del Global Health Summit. 21 May 2021, Rome  - Sputnik Italia, 1920, 05.10.2021
Seguici su
La questione verrà discussa in modo informale già nel vertice sui Balcani che si terrà in Slovenia. Tra le ipotesi avanzate dalla Commisione UE c'è quella della creazione di un consorzio europeo per stoccare il gas e far fronte agli shock del mercato energetico.
L’Europa è al lavoro per frenare i rincari sulle bollette energetiche. Il tema dell’aumento del prezzo del gas sarà all’ordine del giorno della cena dei 27 capi di Stato e di governo europei, ospitata dal premier sloveno Janez Jansa nel castello di Brdo, alla quale parteciperà anche il premier italiano Mario Draghi.
L’occasione dell’incontro, come ricorda il Sole 24 Ore, è il vertice straordinario sui Balcani. Ma è il tema dei rincari del prezzo dell’energia, provocati dall’aumento della domanda globale, che sarà protagonista di un’ampia parte delle discussioni.
Lo schema che la Commissione UE vorrebbe adottare è quello già rodato con i vaccini anti-Covid, cioè affrontare questo tipo di shock del mercato attraverso l’approvvigionamento e lo stoccaggio comune delle risorse. In pratica, si tratterebbe, come spiega Repubblica, di un consorzio volontario di aziende, che si occuperebbe di immagazzinare una quantità considerevole di gas, da immettere sul mercato europeo in caso di emergenza, con l’effetto di calmierare i prezzi.
Cucina a gas - Sputnik Italia, 1920, 01.10.2021
Bollette, da oggi scattano i rincari: +30% per l'energia elettrica, +14% per il metano
Il piano dei vertici europei, inoltre, include suggerimenti per i governi nazionali, a partire dalle misure a sostegno delle famiglie fragili, colpite più duramente dai rincari, che potrebbero essere finanziate con i fondi provenienti dalla tassa contro le emissioni di Co2.
Ma gli Stati europei si dividono. Francia, Spagna, Polonia, Grecia e Italia, come scrive la corrispondente dell’Huffington Post, sono d’accordo con la proposta di lavorare ad uno stoccaggio europeo dell’energia, per evitare che i rincari dovuti alle fluttuazioni del mercato globale abbiano ripercussioni sulla ripresa post-Covid.
Gli Stati del nord, invece, sono contrari all’ipotesi di un intervento di questo tipo, mettendo in guardia sui rischi che riguardano la transizione verde e gli obiettivi del green deal. Di certo un intervento è necessario, visto che, secondo la commissaria europea Ursula Von Der Leyen, il caro-gas durerà fino almeno alla prossima primavera. Non solo. Con la ripresa post-lockdown, alcuni Stati, come la Cina, stanno facendo incetta di materia prima, riducendo le scorte a livello globale.
Una decisione ufficiale potrebbe arrivare dopo il Consiglio europeo previsto per il prossimo 21 ottobre a Bruxelles, mentre stasera a Brdo ci sarà un primo confronto informale tra i sostenitori delle diverse posizioni.
L'inverno a Chicago - Sputnik Italia, 1920, 04.10.2021
Il mondo affronterà una crisi globale questo inverno
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала