Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Nuoro: sanificavano con acqua ospedali e guardie mediche, 7 indagati

© Depositphotos / Info.cineberg.comGel disinfettante Amuchina
Gel disinfettante Amuchina - Sputnik Italia, 1920, 05.10.2021
Seguici su
In 7 indagati al termine delle indagini preliminari. Dovranno rispondere dell'accusa di inadempimento e frode in pubbliche forniture.
La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lanusei ha chiuso le indagini sulle irregolarità presenti, in relazione alle operazioni di sanificazione dell'ospedale Nostra Signora della Mercede e di altri presidi territoriali ospedalieri della zona della Ogliastra.
In sette a finire sul registro degli indagati con l'accusa di inadempimento e frode in pubbliche forniture. Il referente della coop per il territorio sardo dovrà rispondere dell'accusa del reato di minaccia grave nei confronti del direttore dell'Asl di zona.
Invece che sanificare, come di dovere, utilizzando detergenti, sanificatori ed altri presidi, gli indagati utilizzavano semplice acqua. Solo in alcuni casi era stata aggiunta una quantità infinitesimale di detergente.
Le indagini sono state condotte con il supporto dei Nas di Sassari e sono scattate dopo una serie di segnalazioni relative a minacce a danno di alcuni vertici dell'Asl, i quali avevano denunciato il fatto che i macchinari per la sanificazione fossero danneggiati, oltre a varie condotte inadempienti da parte della cooperativa che si era aggiudicata l'appalto, che ha sede in provincia di Caltanissetta.
Il fascicolo era stato aperto nel gennaio 2021, dopo numerose segnalazioni e denunce incrociate tra i lavoratori della coop vincitrice della gara d'appalto e i responsabili sanitari dell'ospedale.
I carabinieri del Nas e della Compagnia di Lanusei avevano proceduto ad una serie di perquisizioni all'ospedale, e nelle varie guardie mediche di zona che dovevano essere sanificate dalla cooperativa oggetto di indagine, facendo emergere pesanti indizi di colpevolezza e di inadempienza a danno di quest'ultima, che hanno portato all'interruzione dei rapporti contrattuali tra la Asl di zona e la cooperativa.
È emerso, oltretutto, dalle indagini che la ditta usava un detergente liquido diverso da quello previsto nell'appalto, risultato molto più tossico e pericoloso, per risparmiare sulle materie prime.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала