Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Macron esorta il G20 a definire le condizioni per il riconoscimento dei talebani

© REUTERSEmmanuel Macron
Emmanuel Macron - Sputnik Italia, 1920, 05.10.2021
Seguici su
Questa mattina, martedì 5 ottobre, il Presidente francese Emmanuel Macron ha invitato i paesi del G20 a stabilire condizioni chiare per il riconoscimento del regime talebano in Afghanistan.
"Dobbiamo, tutti e venti, cioè europei, americani, Cina, Russia, così come i grandi paesi dell'Africa, dell'Asia e dell'America Latina... affermare chiaramente quali devono essere le condizioni per il riconoscimento dei talebani*", ha detto Macron in un'intervista all'emittente France Inter.
La prima condizione dovrebbe essere la continuazione delle operazioni umanitarie in Afghanistan, compresa l'evacuazione delle persone "bisognose di protezione", ha proseguito. La seconda condizione è che il movimento tagli i legami e condanni i gruppi terroristici attivi nella regione. La terza condizione, secondo il presidente, dovrebbe essere il rispetto dei diritti umani e della dignità delle donne.
"Dobbiamo affrontare la situazione, è terribile per le donne afghane oggi", ha osservato Macron, aggiungendo che molte donne nel paese, che avevano diritto all'accesso all'istruzione, allo sport e all'arte, hanno visto improvvisamente chiudersi tutte le porte, dopo che il movimento è salito al potere.
I talebani hanno portato "una qualche forma di evidente stabilità" in Afghanistan, dopo aver preso il potere, ma il prezzo per questi cambiamenti è "l'oscurantismo", ha aggiunto.
"L'Afghanistan sotto i talebani non sarà mai il regime che ci aspettiamo... In molti paesi della regione e oltre, a volte abbiamo relazioni diplomatiche con paesi in cui le cose non stanno andando come vorremmo", ha detto Macron.
La scorsa settimana, il primo ministro italiano Mario Draghi ha dichiarato che il 12 ottobre si terrà un vertice straordinario dei leader del G20 sull'Afghanistan.
I talebani si sono impossessati della capitale afghana a metà agosto e l'ultima roccaforte della resistenza rimasta nel Panjshir è caduta all'inizio di settembre. Il movimento ha quindi dichiarato un governo ad interim di soli uomini, guidato da Mohammad Hasan Akhund, che ha servito come ministro degli esteri afghano durante il precedente governo talebano.
*Organizzazione terroristica estremista illegale in Russia e in molti altri paesi
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала