Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Guarita dopo terapia intensiva: maestra negazionista del Covid riflette sulla vaccinazione

CC BY-SA 2.0 / Leonardo Rizzi / Ospedale dell'Angelo, Mestre
Ospedale dell'Angelo, Mestre - Sputnik Italia, 1920, 05.10.2021
Seguici su
Sabrina Pattarello è stata di recente dimessa dall'ospedale di Mestre dopo 3 settimane con sintomi pesanti di Covid: prima della malattia sosteneva che "il virus non esiste ed è tutto un complotto".
Dall'essere no-vax e no-mask e fervente negazionista del Covid, ritenuto "tutto un complotto", alla riflessione sull'opportunità di vaccinarsi: come è possibile? Forse 3 settimane di Covid con sintomi pesanti e il ricovero in terapia intensiva all'ospedale di Mestre hanno indotto Sabrina Pattarello, nota alle cronache locali come la "maestra no-vax", a ripensare ad alcune sue idee. La 45enne si sta ora lentamente riprendendo.

"Penso che lo farò, voglio però informarmi bene sui diversi vaccini, quali reazioni provocano e quali sono i meno rischiosi. Non auguro a nessuno di passare quello che ho passato io. Ho avuto paura come mai prima d’ora. Mi confronterò con il mio medico di base, leggerò con attenzione i bugiardini e parlerò con persone che si sono già vaccinate. Voglio conoscerle e capire che effetti hanno avuto", ha dichiarato al Corriere del Veneto.

Il mese scorso aveva contratto il Covid, che quando era scuola negava anche a scuola davanti ai suoi alunni, sostenendo varie teorie complottiste, tanto che era stata sospesa.

"Ho la tosse e sono ancora molto debole ma sono tornata a casa. Ora ho bisogno di riposarmi e di stare tranquilla perché il mio fisico è stato messo duramente alla prova. Sono state tre settimane terribili, il Covid non è una passeggiata", ha detto.

Poi sul vaccino, ha insistito che vuole informarsi, pur riconoscendo che è ormai una condizione necessaria per lavorare.
"È comunque un vaccino sperimentale, dentro ci sono sostanze tossiche. Voglio informarmi ancora prima di decidere quando vaccinarmi e con che tipo di vaccino. Vedo che il vaccino è ormai una condizione necessaria per poter lavorare. E questa è una cosa che non posso non considerare".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала