Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, Burioni: solo 1 morto per vaccino a mRna

© AP Photo / Jae C. HongSiringa con il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19
Siringa con il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19  - Sputnik Italia, 1920, 04.10.2021
Seguici su
Secondo il noto virologo, da sempre strenuo sostenitore della sicurezza dei vaccini anti-Covid e dell'importanza della campagna di vaccinazione, "è più rischioso il viaggio in auto fino all'hub".
Dopo una lunga assenza dalla tv, è tornato a parlare di Covid e vaccini il virologo Roberto Burioni, ospite della trasmissione "Che tempo che fa". Nel suo intervento ha ribadito ancora una volta la sicurezza dei vaccini contro il Covid-19, in particolare quelli a mRna, rilevando che su miliardi di dosi somministrati ci sarebbe stato un solo decesso in Nuova Zelanda.

"I vaccini sono efficacissimi e estremamente sicuri, hanno evitato una tragedia terribile. Qualcuno è morto per il vaccino? Sì, probabilmente una persona in Nuova Zelanda è morta per miocardite. Una persona. In un anno su miliardi di dosi. Si c’è un rischio, ma com'è questo rischio se lo paragoniamo ai rischi che fanno parte della nostra vita quotidiana?"

Riguardo alle preoccupazioni degli effetti nel lungo periodo dei vaccini sulla salute, dopo aver rilevato che "la certezza di una mancanza di un effetto negativo a lungo termine si ha solo a lungo termine", Burioni si è sentito di escludere rischi e pericoli, pur constatando che un vaccino, come un farmaco può avere effetti collaterali.
"Nulla ci fa sospettare che questi vaccini abbiano effetti negativi a lungo termine. Nella storia della medicina, non esiste un vaccino tra quelli usati che abbia avuto effetti negativi a lungo termine. Il vaccino, come tutti i farmaci, ha effetti collaterali".
Burioni ha poi parlato dei casi di miocardite post-vaccino, osservando che tutti si sono risolti con la completa guarigione in base ad uno studio americano.
“La miocardite si presenta raramente, in teoria può essere anche grave. Su questo effetto, un’infiammazione del muscolo cardiaco, è stato condotto uno studio molto ampio negli Usa: sono state considerate 300 milioni di vaccinazioni, con 1300 casi di miocarditi. Tutte queste persone sono guarite."
Sulla campagna di vaccinazione, il virologo ha sottolineato come l'Italia sia avanti rispetto a molti Paesi che tendono a criticarci, dal momento che "Germania, Francia, Inghilterra e Usa hanno tutte meno vaccinati di noi." Tuttavia "questa non è una partita di calcio che se vinci 1 a 0 possiamo fermarci. Più persone si vaccinano, meglio è”.
Infine sulla pillola anti-Covid di Merck, che in base agli studi dell'azienda risulta efficace nel prevenire ospedalizzazioni e decessi, Burioni si è mostrato cauto e ottimista.
"Si tratta di una notizia preliminare, perché è una comunicazione che arriva della casa farmaceutica basata su uno studio che è avvenuto su un numero abbastanza ristretto di pazienti. Però, questi tempi particolari ci hanno abituato a fidarci di quello che dicono le case farmaceutiche, perché se dicono delle bugie poi hanno delle conseguenze notevoli. Questa sarebbe un’ottima notizia, perché avremmo un ottimo strumento per intervenire per via orale, quindi in maniera molto facile".
Creative rendition of SARS-COV-2 virus particles - Sputnik Italia, 1920, 03.10.2021
Pillola anti-Covid, Di Perri: "Cure a casa con i nuovi antivirali. Nessun effetto collaterale"
In precedenza Roberto Burioni aveva affermato di ritenere inspiegabile la scelta di non vaccinarsi da parte di oltre 3 milioni di over 50 in Italia, sottolineando la sicurezza dei vaccini.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала