Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Panama Papers, governo panamense contro i giornalisti: "basta usare questo nome, diffama il paese"

© SputnikPanama
Panama - Sputnik Italia, 1920, 03.10.2021
Seguici su
Il governo panamense, attraverso uno studio legale, ha proposto all'International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ) di aprire un tavolo di dialogo, temendo che la pubblicazione di una nuova inchiesta possa offuscare nuovamente l'immagine del Paese.
Gli interessi di Panama sono rappresentati dallo studio legale Benesch, Fridlander, Coplan & Aronoff Llp, che ha inviato una lettera all'ICIJ, affermando che le autorità panamensi rispettano la libertà di parola, ma lavoreranno senza remore per garantire che il nome del Paese non subisca più diffamazioni come avvenuto all'epoca dei "Panama Papers".
In una lettera del 16 settembre, Panama ha richiesto al consorzio di tenere conto del fatto che il nome “Panama Papers” abbia causato gravi danni al Paese prima di continuare a indagare sulle attività finanziarie offshore.
"Il governo di Panama intende adottare misure per garantire che questa bugia non venga ripetuta dall'ICIJ o da altri media", si afferma nella lettera.
Nella stessa viene inoltre rilevato che, cinque anni dopo la pubblicazione della precedente inchiesta, la maggior parte dei riferimenti allo stato di Panama sono ancora relativi ai Panama Papers.
In precedenza, l'International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), finanziato, in particolare, da uno dei fondi di George Soros, aveva promesso di pubblicare domenica sera il "Dossier di Pandora".
Il consorzio ha definito l'indagine la sua più grande esposizione di segreti finanziari di sempre.
Stando alle informazioni fatte trapelare, il dossier dovrebbe includere rapporti di oltre 600 giornalisti di 117 paesi del mondo e dati di oltre 11,9 milioni di file ottenuti a seguito di leak.

I Panama Papers

All'inizio dell'aprile del 2016, la tedesca Sueddeutsche Zeitung ha pubblicato presunti documenti dello studio legale panamense Mossack Fonseca, che, secondo il quotidiano, testimoniano il coinvolgimento di numerosi leader mondiali e dei loro stretti collaboratori in attività offshore.
L'autenticità dei cosiddetti Panama Papers non è stata ufficialmente confermata e la stessa Mossack Fonseca ha affermato di essersi rifiutata di assicurare la loro autenticità e ha definito le azioni dei giornalisti un crimine.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала