Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Caccia a Matteo Messina Denaro, in Sicilia decine di perquisizioni per stanare i fiancheggiatori

© AP Photo / Alessandro FucariniMatteo Messina Denaro
Matteo Messina Denaro - Sputnik Italia, 1920, 01.10.2021
Seguici su
Maxi-operazione della Polizia di stato, che dalla primissima mattinata odierna è impegnata in una serie di perquisizioni in diverse zone della Sicilia. Obiettivo del blitz è quello di individuare e stanare Matteo Messina Denaro, il superboss di Cosa Nostra, latitante dal lontano 1993.
Il numero uno di Cosa Nostra è latitante dal lontano 1993.
La Dda di Palermo ha disposto l'impiego di circa 150 agenti delle squadre mobili di Palermo, Trabani e Agrigento, che per l'occasione sono supportati dagli uomini del Servizio centrale operativo e dai reparti prevenzione crimine di Sicilia e Calabria.
I controlli, come riferisce il Giornale di Sicilia, si sono concentrati in particolare su sette comuni: Castelvetrano, Campobello di Mazara, Santa Ninfa, Partanna, Mazara del Vallo, Santa Margherita Belice e Roccamena.
Ad essere oggetto delle perquisizioni sono una serie di soggetti sospettati dagli inquirenti di essere fiancheggiatori del numero uno di Cosa Nostra, ma anche altri personaggi considerati vicini alle cosche trapanesi e agrigentine.
Marco Siclari, senatore della Repubblica Italiana - Sputnik Italia, 1920, 29.09.2021
Marco Siclari, senatore di Forza Italia: condannato per scambio elettorale politico mafioso

Gli sviluppi sulla caccia a Matteo Messina Denaro

Il nome del superlatitante di Cosa Nostra è tornato in auge nell'ultimo periodo, con una serie di notizie riguardanti il suo possibile rintracciamento e fermo, che sono però finite in un vicolo cieco.
Poche settimane fa, la Polizia giudiziaria aveva fatto irruzione in un ristorante dell'Aja, nei Paesi Bassi, dove secondo una segnalazione Messina Denaro avrebbe dovuto tenere un incontro con altre due persone.
In realtà, la prova del Dna ha dimostrato che l'uomo sospettato di essere il latitante, non era altro che un cittadino britannico recatosi in Olanda con il figlio per seguire il Gran Premio di Formula 1.

Matteo Messina Denaro è poi tornato sulle prime pagine della cronaca nella giornata di ieri, quando il Tg2 ha pubblicato l'immagine del suo viso, ripreso da una telecamera di sicurezza situata in una strada di provincia dell'agrigentino nel 2009.

Nella fotografia in questione è possibile vedere un SUV con a bordo due persone, uno dei quali corrisponderebbe all'identikit di Matteo Messina Denaro. Qualora la foto dovesse risultare autentica, si tratterebbe del primo avvistamento accertato del supercriminale dal 1993.
Antonio Ingroia - Sputnik Italia, 1920, 24.09.2021
Stato-mafia, Ingroia: sentenza double face, condannati i mafiosi, assolti i politici
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала