Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Pil Italia al 6% nel 2021: la conferma della Nadef, che oggi approda nel Consiglio dei ministri

© SputnikPalazzo Chigi
Palazzo Chigi - Sputnik Italia, 1920, 29.09.2021
Seguici su
Iniziato da poco il Consiglio dei ministri, con un importante ordine del giorno che riguarda in particolare la nota di aggiornamento al documento di economia e finanza (Nadef) su cui si baserà la manovra economica del 2022.
Le decisioni prese oggi verranno in seguito spiegate dal presidente del Consiglio, Mario Draghi, e dal ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, nella conferenza stampa programmata per le ore 16 di oggi.
Secondo la Nadef, il Pil dell’Italia nel 2021 toccherà il +6% e nel 2022 la stima è di un +4,7%, che consentirebbe in due anni di recuperare quanto perduto nel 2020 (Pil -8,9%, fonte Borsa Italiana) a causa della pandemia.
Per gli anni successivi è prevista una crescita del Pil comunque importante, rispetto allo storico degli ultimi decenni. La stima per il 2023 prevede un +2,8% e per il 2024 un +1,9%.

Debito pubblico e deficit in diminuzione

La Nadef porta con sé anche una buona notizia per il debito pubblico, infatti, “il più alto livello di Pil e il minor deficit fanno anche sì che il rapporto tra debito pubblico e prodotto non salga ulteriormente quest'anno, come previsto nel Def (documento di economia e finanza, ndr), ma scenda invece al 153,5 per cento, dal 155,6 per cento nel 2020”, lo scrive l’Ansa.
Anche il deficit diminuisce e torna sotto il 10%, migliorando le previsioni del Def fatte la scorsa primavera. L’indebitamento netto nel 2021 si dovrebbe attestare al 9,4%, secondo la bozza della Nadef, come riportato dall’Ansa. Il Documento di economia e finanza in primavera prevedeva un deficit all’11,8%.
Si prevede che nel 2022 il deficit scenderà al 5,6% e nel 2023 calerà ulteriormente al 3,9%, per poi stabilizzarsi al 3,3% nel 2024.
Ora servirà continuare a spingere la crescita per renderla strutturale con il supporto dei fondi europei del Recovery plan.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала