Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Mosca alla Nato e all'UE: bisogna convincere Pristina a ritirare le forze dal Kosovo settentrionale

© REUTERS / Laura HasaniPolizia del Kosovo
Polizia del Kosovo - Sputnik Italia, 1920, 28.09.2021
Seguici su
In precedenza, pattuglie delle forze Nato in Kosovo (KFOR) sono arrivate al posto di blocco di Yarine, sulla linea amministrativa tra la Serbia centrale e il Kosovo settentrionale, e Metohija, per mantenere la sicurezza e la libertà di movimento.
Il ministero degli Esteri russo ha invitato la Nato e l'Unione Europea a fare pressioni su Pristina per ritirare le forze dal nord del Kosovo per scongiurare un'escalation.
La Russia è preoccupata per la situazione in Kosovo, gli eventi si stanno sviluppando secondo uno scenario che va di male in peggio, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

"Siamo preoccupati perché vediamo crescere le tensioni in Kosovo, che sono state innescate da azioni irresponsabili delle autorità albanesi del KosovoOggi è ovvio che la situazione sta degenerando di male in peggio… Sottolineiamo ancora una volta che le forze della Nato per il Kosovo e la missione della Ue hanno mandati per evitare ingiustizie e quindi hanno la piena responsabilità di proteggere i civili e garantire la pace e la sicurezza. È tempo di esercitare una forte pressione sull'amministrazione di Pristina affinché ritiri le forze di sicurezza dal nord del Kosovo e impedire che la situazione scivoli verso un conflitto aperto", ha affermato la Zakharova in una dichiarazione rilasciata dal ministero degli Esteri russo.

Il 20 settembre, i serbi residenti nel Kosovo settentrionale hanno organizzato una manifestazione pacifica lungo la linea amministrativa tra la regione e la Serbia centrale contro il divieto imposto dal Kosovo di far circolare macchine con targhe serbe. Il nuovo regolamento richiede che tutti i veicoli che entrano in Kosovo siano dotati di targhe temporanee rilasciate da Pristina, cosa che ha suscitato dissenso tra la popolazione serba. In serata, la polizia kosovara ha lanciato gas lacrimogeni contro i manifestanti ai posti di blocco di Yarine e Brnjak, tuttavia i dimostranti si sono rifiutati di andarsene.
Candidate for the President of Kosovo Vjosa Osmani arrives for a parliament session to elect the new Kosovo's President in Pristina on April 3, 2021.  - Sputnik Italia, 1920, 04.04.2021
Vjosa Osmani è la nuova presidente del Kosovo
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала