Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Caso Luca Morisi, Renzi: non faremo alla Lega quello che loro hanno fatto a noi

Luca Morisi - Sputnik Italia, 1920, 27.09.2021
Seguici su
Il caso dell’ex responsabile della comunicazione della Lega, Luca Morisi, indagato per cessione di sostanze stupefacenti a Verona, scuote il dibattito politico italiano a meno di una settimana dalle elezioni amministrative.
Tra i leader di partito è intervenuto Matteo Renzi di Italia Viva, il quale attraverso la sua eNews della settimana rivolge un invito alla sua base politica:
“Luca Morisi è il padre della Bestia, la struttura social di Matteo Salvini e della Lega. Lui è stato il cervello ideatore di tutte le aggressioni personali contro di me e contro di noi nella scorsa legislatura. Gli attacchi sono spesso stati carichi di odio in modo similare a quelli dei Cinque Stelle: non a caso, l’alleanza giallo verde, prima che a Palazzo Chigi, è nata sui social. Contro di noi. Oggi Morisi è in difficoltà per vicende private e giudiziarie, si è dimesso dalla dirigenza della Lega e ha chiesto rispetto per le proprie questioni personali. Invito tutti a mostrarsi per quello che siamo: diversi da chi sparge odio sui social. Non faremo a Morisi quello che la Bestia ha fatto a noi in vicende molto meno serie. Noi siamo orgogliosamente rispettosi della persona umana e della civiltà della politica”.

Dadone (M5S) interviene su Morisi

Anche Fabiana Dadone, esponente del Movimento 5 Stelle interviene sulla questione. Lei che è stata una di quelle bersagliate dalla campagna di Morisi.
“Chi citofonerà a casa di Salvini?”, ironizza la deputata richiamando quella sera in cui Salvini citofonò a casa una presunta famiglia di spacciatori.
“Scagli la prima pietra chi è senza peccato. La fragilità è parte dell'essere umano, il perbenismo e gli insulti da bar sport invece ci impediscono di affrontare i problemi reali di questo Paese in tutta la loro complessità”, aggiunge Dadone.
E la politica pentastellata ancora aggiunge:
“Luca Morisi ha fatto del perbenismo provocazione, dell'aggressione digitale mestiere. Sono queste le cose che lo hanno contraddistinto, le ‘qualità’ che gli hanno dato fortuna, non a caso il suo sistema comunicativo è chiamato ‘bestia’ di Salvini. Il suo problema è l'ambivalenza, come quella di molti personaggi a destra”.

Il commento di Salvini alla vicenda

Matteo Salvini, leader della Lega, affida alla sua pagina Facebook un messaggio di solidarietà nei confronti di Morisi che considera un amico che ha sbagliato e a cui tende la mano. Il breve messaggio è accompagnato da una fotografia dei due abbracciati e sorridenti.
“Quando un amico sbaglia e commette un errore che non ti aspetti, e Luca ha fatto male a se stesso più che ad altri, prima ti arrabbi con lui, e di brutto. Ma poi gli allunghi la mano, per aiutarlo a rialzarsi. Amicizia e lealtà per me sono la Vita. In questa foto avevamo qualche anno e qualche chilo in meno, voglio rivederti presto con quel sorriso. Ti voglio bene amico mio, su di me potrai contare. Sempre.”
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала