Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Maxi truffa a istituti religiosi: oltre 150 casi tra Torino e Siracusa

CC0 / Pixabay.com / Carabinieri
Carabinieri - Sputnik Italia, 1920, 23.09.2021
Seguici su
Gli istituti venivano contattati da sedicenti impiegati di banca, che comunicavano loro di essere destinatari di una donazione, senza prima però chiedere un versamento tra mille e tremila euro. Il sistema avrebbe consentito di accumulare illeciti per 254mila euro.
Si spacciavano per impiegati di banca, per comunicare a istituti religiosi o case di cura di essere destinatari di fondi statali o anonimi, in cambio di una cauzione. Sono oltre 150 i casi accertati di truffa portati alla luce dal lavoro di indagine svolto dalla procura di Siracusa.
I carabinieri hanno eseguito i provvedimenti di obbligo di dimora nei confronti di decine di persone indagate tra Siracusa e Torino con l'accusa d'associazione a delinquere finalizzata alla commissione a istituti religiosi o case di riposo.
Secondo i militari dell’Arma, gli indagati si presentavano ai centri religiosi come impiegati di banca o di enti di beneficienza, per comunicare loro di essere destinatari di fondi statali o di anonimi benefattori. La donazione, però, era subordinata al versamento di una somma dai mille ai tremila euro su conti correnti di complici, a titolo di restituzione di presunte eccedenze accreditate per errore.
Secondo gli investigatori, il sistema messo a punto avrebbe consentito agli indagati di accumulare un illecito profitto di circa 254mila euro. Sono attualmente in corso le perquisizioni per eseguire il sequestro per equivalente della somma illecitamente accumulata.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала