Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Giustizia: riforma del processo penale approvata in Senato

Il Senato italiano - Sputnik Italia, 1920, 23.09.2021
Seguici su
Il via libera alla riforma della Giustizia è tra le condizioni poste dalla UE per l'erogazione dei fondi del Recovery Plan.
Il Senato ha approvato la riforma del processo penale con 177 sì e 24 no nel testo già licenziato dalla Camera, che diventa legge.
L'approvazione della riforma del processo penale, come quella del processo civile, sono tra le condizioni poste dall'UE per erogare i fondi del Recovery Plan.
Il Senato ha approvato, mercoledì 22 settembre, la fiducia ai primi due articoli della riforma del processo penale. Il primo definisce i contorni della delega al governo, il secondo modifica direttamente il codice penale e quello di procedura penale.

Le principali novità della riforma Cartabia

Il ddl targato Cartabia introduce nell'ordinamento giuridico tre principali novità:
la prescrizione al 'regime speciale' per alcuni reati,
il principio di improcedibilità,
i criteri di priorità per l'azione penale affidati al Parlamento.
L'obiettivo della riforma è quello di accelerare i tempi della Giustizia, anche attraverso i riti alternativi.

Entrata in vigore

La riforma diventerà pienamente operativa a partire dal 2025. Prevede un'entrata in vigore graduale, con norme transitorie fino al 2024 e una proroga fino a sei anni dei processi ordinari, incluso appello e cassazione.
Successivamente, la riforma stabilisce due anni di tempo per la celebrazione del processo di appello e un anno per la Cassazione.
È previsto un regime speciale per i reati di mafia, terrorismo, il voto di scambio politico-mafioso, il terrorismo e l'associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, per cui non è stabilito un limite alla proroga.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала