Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il governo ripristina l’indennità di quarantena: in Cdm fondi per 900 milioni

© AP Photo / Mike StewartLa 16enne Kirsten Martin studia da casa per la diffusione dell'infezione di coronavirus
La 16enne Kirsten Martin studia da casa per la diffusione dell'infezione di coronavirus - Sputnik Italia, 1920, 22.09.2021
Seguici su
Dopo la comunicazione dell’Inps di luglio in cui si avvertiva dell’esaurimento dello stanziamento del 2020.
A luglio la notizia aveva innescato una ridda di commenti e reazioni: l’Inps aveva annunciato che i fondi per l’indennità di quarantena erano finiti e chi fosse rimasto a casa, senza la possibilità di lavorare in smart working, avrebbe perso i giorni di stipendio.
Il governo Draghi, però, sembra aver trovato la strada per tutelare i lavoratori: domani in Consiglio dei ministri verrà presentato il rifinanziamento per circa 900 milioni per garantire un sostegno a quei lavoratori costretti a restare a casa perché venuti in contatto con un caso di Covid, ma senza la possibilità di smart working.

La soluzione del governo dopo il vuoto estivo

L’esecutivo domani varerà oltre allo stanziamento anche un meccanismo a doppio binario per tutelare i più fragili e i dipendenti.
Tasche vuote - Sputnik Italia, 1920, 13.08.2021
Inps: finiti i fondi, niente indennità per i lavoratori in caso di quarantena
L’indennità di quarantena era rimasta sospesa dopo che l’Inps, lo scorso 6 luglio, aveva comunicato che, in mancanza di un rifinanziamento della misura per il 2021, non ci sarebbe stata la copertura per i giorni di stipendio e la percentuale di contributi relativi ai giorni di assenza.
Nel 2020, l’indennità di quarantena era stata finanziata con 663,1 milioni di euro.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала