Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Fedez contro Conte per gli assembramenti ai comizi. L’ex premier: “Avete ragione, concerti al 100%”

© Foto : Facebook - Giuseppe ConteGiuseppe Conte in comizio a Cosenza
Giuseppe Conte in comizio a Cosenza - Sputnik Italia, 1920, 22.09.2021
Seguici su
Il leader del M5S risponde alle polemiche di alcuni artisti sulle piazze piene mentre proseguono le restrizioni per gli eventi culturali. Il rapper: “Uno schiaffo in faccia”.
Botta e risposta a suon di post e storie sui social network. Al centro le restrizioni imposte a concerti, cinema, teatri e mondo della cultura e della musica, che appaiono un paradosso agli operatori del settore, se paragonati alle piazze stracolme e senza controlli dei comizi per le amministrative del 3 e 4 ottobre.
Bersaglio degli attacchi di Salmo, Enrico Ruggeri, Ermal Meta e Fedez è stato l’ex premier Giuseppe Conte, per le folle radunate in barba a qualsiasi distanziamento a Cosenza.
Gli artisti hanno chiesto il perché delle disparità di trattamento e il leader del M5S ha risposto, senza nascondersi, rivolgendosi direttamente a Fedez, che aveva parlato di “schiaffo in faccia” e delle famiglie dei lavoratori dello spettacolo discriminate.
“Buongiorno Fedez, mi rivolgo a te e agli artisti che, come te, in queste ore state lamentando le restrizioni per la cultura e lo spettacolo, mentre invece gli incontri della politica avvengono con piazze gremite di gente”, esordisce Conte in un messaggio video su Instagram.
“Non va bene portare la capienza all'80%, dobbiamo portarla al 100%. Dobbiamo ripartire forti, dobbiamo ripartire tutti insieme", conclude.

Il comizio di Cosenza

La polemica è nata dopo che sono circolate le immagini di centinaia di persone presenti al comizio di Conte a Cosenza, senza alcun distanziamento. Situazione che si è ripetuta anche in altre piazze.
Salmo su Instagram è stato il primo a parlare: “In questi giorni è iniziato il FLOP tour, abbiamo riempito le piazze d’Italia”, ha scritto ironico.
Gli ha fatto eco Ermal Meta: “Quindi da domani le capienze degli spettacoli in generale tornano alla normalità?”
Enrico Ruggeri rivolgendosi direttamente a Conte ha scritto: “Mi fa piacere per lui, ma suona come l’ennesimo sfregio ai cantanti che ci fanno divertire”.
È stata poi la volta di Fedez che dal suo account ha pubblicato una serie di storie su Conte in cui parla di “immagini festose che rappresentano un vero e proprio schiaffo in faccia per intere famiglie che per voi evidentemente sono inesistenti”.
Il rapper parla poi della “propaganda politica” che non “può venire prima delle persone”.
“C’è un intero settore in ginocchio da due anni, dimenticato da tutti. Fate cagare”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала