Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Addio a Forza Italia: in tre passano alla Lega

© REUTERS / Antonio ParrinelloMatteo Salvini
Matteo Salvini  - Sputnik Italia, 1920, 22.09.2021
Seguici su
Lasciano tre azzurri della Lombardia, tra cui il presidente del Consiglio Regionale. L'annuncio arriva in conferenza stampa da Matteo Salvini.
Terremoto dentro Forza Italia in Lombardia, per l'addio di tre esponenti regionali di spicco che passano alla Lega. Lasciano il partito di Silvio Berlusconi il presidente del Consiglio Regionale, Alessandro Fermi, il consigliere regionale lombardo, Mauro Piazza, e Daniele Nava, ex presidente della provincia di Lecco e sottosegretario della giunta Maroni. Lo ha annunciato stamattina in conferenza stampa Matteo Salvini, che risponde così alla crisi più delicata della sua leadership.

“Oggi è una bella giornata. Il mio obiettivo è riunire e rinsaldare il centrodestra in Italia e in Europa”, le parole del leader del partito.

Salvini ha chiarito che non "c'è una competizione interna" al centrodestra e l'importante è che "cresca la forza di Regione Lombardia“, evidenziando che il "processo di crescita" della Lega non è "solo lombardo, ma nazionale ed irreversibile".
Il leader del Carroccio ha inoltre riferito che, attualmente, “non entrano nella Lega solo due consiglieri regionali, un sottosegretario, ma alcune centinaia di amministratori locali, che per me valgono più di deputati, senatori e ambasciatori”, e annuncia che nei prossimi giorni "entreranno in Lega alcuni parlamentari di diversi partiti, non solo di centrodestra”.
Con l'ingresso in Lega dei tre azzurri, Salvini risponde alle polemiche interne scatenate sul Green Pass e culminate con l'abbandono dell'eurodeputato Francesco Donati.

Per uno che va, dieci ne entrano", ha commentato il leader leghista.

Il terremoto in Forza Italia Lombardia

In vista delle elezioni comunali di Milano, l'abbandono dei tre azzurri fa tremare il partito di Forza Italia, proprio nella regione Lombardia.
Fermi spiega le ragioni della sua scelta, maturata dopo la "volontà di Matteo Salvini di allargare i confini della Lega aprendosi all'area liberale" e per uscire dall'"ambiguità in cui FI è un po' caduta nell'ultimo periodo".
"Una parte guarda a centrodestra e un'altra che ammicca ancora oggi a contenitori neo-centristi di dubbio aggancio al centrosinistra. Le ambiguità non mi piacciono, ho sempre fatto una scelta di appartenenza al centrodestra”, afferma.
Ma gli addii non potrebbero finire qui. Sul partito di Silvio Berlusconi pesano i sondaggi, che danno Forza Italia tra il 6 e il 7 per cento alle amministrative del 3 e 4 ottobre. Se queste previsioni fossero confermate, l'esodo iniziato nel 2018 potrebbe proseguire.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала