Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Orlando: “Per ora no all’obbligo vaccinale, con il green pass convinceremo i dubbiosi”

© AFP 2021 / John ThysAndrea Orlando, nuovo Ministro del Lavoro
Andrea Orlando, nuovo Ministro del Lavoro - Sputnik Italia, 1920, 17.09.2021
Seguici su
Il ministro del Lavoro parla del decreto che estende le norme sulla certificazione a tutti i luoghi di lavoro. E sulle spaccature nella Lega: c’è una parte che ha deciso di investire nel governo.
Il ministro del Lavoro Andrea Orlando è soddisfatto della sintesi trovata per estendere l’obbligo del green pass ai lavoratori del pubblico e del privato. Il titolare del dicastero spiega a Repubblica che questo ampliamento della platea è un passo che serve, per il momento, a non invocare l’obbligo vaccinale e a convincere gli indecisi.

“Escludo che i circa quattro milioni di lavoratori non ancora vaccinati siano tutti No-Vax. Anzi, sono sicuro che questi siano un'esigua minoranza. La maggior parte dei non vaccinati è composta da persone che nutrono dubbi e perplessità”.

E sui tamponi gratuiti, chiesti dai sindacati e anche da parte della Lega e da Fratelli d’Italia, Orlando replica: “Si sono fatti dei passi per ascoltare le ragioni del sindacato, il principio del tampone gratis avrebbe minato l’impalcatura della campagna vaccinale, che è lo strumento chiave della lotta alla pandemia”.

E alla richiesta di non far pagare ai lavoratori i costi di poter lavorare, Orlando dice seccamente: "Infatti il vaccino è gratis”.

“Il sindacato ci ha chiesto perché non adottare l’obbligo vaccinale e noi abbiamo spiegato che, pur senza escluderlo, in questo momento preferiamo evitare una polarizzazione delle posizioni sul vaccino, che sarebbe dannosa e controproducente”.

Controlli e sanzioni

Orlando poi spiega che la differenza di norme tra pubblico e privato, con la sospensione del lavoratore senza green pass dal quinto giorno per il primo settore e dal primo per il secondo, dipendono dalle dimensioni dell’impresa.
“La norma tiene conto del fatto che c’è un mese di tempo per adeguarsi al decreto”.
Il visitatore presenta un codice QR prima di entrare in un museo - Sputnik Italia, 1920, 16.09.2021
Il Cdm approva all'unanimità l'estensione del green pass al pubblico e al privato
Il ministro ammette che ci potranno essere dei problemi di controlli e burocrazia, ma si vigilerà e ci saranno eventuali aggiustamenti.

Lega divisa

Orlando viene poi interpellato per commentare la divisione nel Carroccio sull’approccio al green pass.
“Non entro nel merito del dibattito in casa altrui, ma è evidente che c’è un pezzo del gruppo dirigente leghista che ha scelto di investire nel governo e un altro pezzo che è impegnato nell’inseguimento delle posizioni di Meloni”
Ma il ministro auspica che questa spaccatura non provochi problemi al governo o “altri sotterfugi come il no a voto segreto in Parlamento a provvedimenti approvati all’unanimità in Cdm”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала