Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Caro bollette, il governo francese approva un contributo da 100 euro per quasi 6 milioni di famiglie

Bandiera francese - Sputnik Italia, 1920, 17.09.2021
Seguici su
La misura non richiederà la presentazione di una domanda, la somma che verrà erogata automaticamente alle famiglie.
In seguito all'aumento delle bollette su luce e gas, il governo francese ha deciso di istituire una nuova forma di aiuto definita "eccezionale", ma "molto semplice".
La nuova misura consiste in un assegno del valore di 100 euro, di cui potranno usufruire 5,8 milioni di famiglie a basso reddito.
Ad annunciarlo è stato il premier Jean Castex, il quale ha sottolineato che il contributo si aggiungerà all'assegno energia, che viene già assegnato a questi nuclei familiari, e sarà versato nel mese di dicembre.
Al fine di usufruirne, le famiglie non dovranno presentare alcuna documentazione particolare, in quanto la somma sarà automaticamente versata tramite il servizio delle poste.

L'aumento del costo dell'energia

Anche in Francia, a settembre, le tariffe regolamentate del gas hanno registrato un significativo aumento, pari all'8,7%, che va a sommarsi a quelli già rilevati in agosto (5%) e luglio (10%).
Finora, tale aumento non si è riflesso sulle bollette dei 22 milioni di utenti abbonati alla tariffa regolamentata di Edf, ma, con la prossima revisione del febbraio 2022, si prevede che i rincari possano arrivare al 7% circa.
Il gasdotto Yamal-Europa in Polonia - Sputnik Italia, 1920, 15.09.2021
Crescita del prezzo del gas in Europa, l'esperto rivela quando si fermerà

Il piano di Cingolani per l'Italia

Nella giornata di ieri il ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani ha avanzato la proposta di un intervento strutturale per far fronte alla stangata sulle bollette dell'energia dovuta all'aumento di gas e metano.
Secondo il titolare del dicastero, la via maestra da percorrere è quella della riscrittura del metodo di calcolo delle bollette:

"Bisogna ragionare su come viene costruita la bolletta e qui va un po' riscritto il metodo di calcolo. Lo stiamo facendo in queste ore. Stiamo lavorando" ha detto Cingolani.

Per il ministro, "c'è da mettere in piedi un intervento strutturale, perché, per quanto sembra siano saturando questi aumenti di costi, sono aumenti che rimarranno in bolletta, per cui bisognerà lavorare sulla parte strutturale".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала