Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Migranti dall'Afghanistan: il viaggio della speranza costa 7000 dollari e finisce al confine lituano

© REUTERS / Ints KalninsMigranti afghani in Lituania
Migranti afghani in Lituania - Sputnik Italia, 1920, 16.09.2021
Seguici su
Cinque cittadini afghani hanno chiesto alla Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) di impedire la loro espulsione dalla Lituania. Avevano pagato 7.000 dollari ciascuno per arrivare in Europa, ma sono finiti al confine con la Lituania, da dove sono stati diverse volte espulsi in Bielorussia, riporta il portale Delfi.
La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha vietato fino al 29 settembre l'espulsione dalla Lituania di cinque cittadini afghani, che affermano di essere fuggiti dal Paese a causa della possibile repressione da parte dei talebani*. È stato precisato che non dovranno essere respinti in Bielorussia finchè si troveranno su suolo lituano.

"Cinque afghani hanno pagato 7.000 dollari ciascuno per un viaggio da Kabul in Europa. In principio sono stati trasferiti da Kabul a Kandahar, poi in Uzbekistan, da dove sono partiti con visti bielorussi alla volta di Minsk, e, in seguito, sono arrivati al confine con la Lituania", scrive Delfi.

Secondo quanto riportato dal portale, gli afghani hanno raccontato di aver incontrato a Kabul un uomo afghano, a cui ciascuno ha pagato 7.000 dollari. L'uomo aveva detto che li avrebbe portati "in Europa".
Gli uomini hanno dichiarato che quando i talebani hanno iniziato a consolidare le loro posizioni, si sono sentiti minacciati.
I rifugiati hanno raccontato di essere entrati nel territorio della Lituania almeno cinque volte.
"Ci avvicinavamo e spiegavamo di essere migranti. Qualcuno chiamava la polizia e ci rispedivano in Bielorussia" hanno detto.
Il 5 settembre, quando sono tornati nuovamente in Lituania, questa volta nascondendosi, sono rimasti a corto di cibo e acqua.

"Allora abbiamo capito che saremmo potuti morire, che era una questione di vita o di morte. Abbiamo registrato un video e lo abbiamo pubblicato sui social. Ci hanno consigliato di rivolgerci alle autorità per la difesa dei diritti, un uomo ci ha scritto su internet e ci ha dato i contatti di un avvocato. L'abbiamo contattata e lei ha accettato di aiutarci" hanno dichiarato gli afghani.

I profughi hanno raccontato che, una volta, le guardie di frontiera lituane hanno usato contro di loro il taser.
Secondo quanto riferito da Delfi, al momento gli afghani si trovano in una struttura a Puskos, un paesino al confine con la Bielorussia. Sono in una tenda separata, in quarantena, e giovedì saranno sottoposti al test per il coronavirus. Gli uomini hanno detto di essere stati trattati bene: sono stati visitati dai medici, gli sono stati dati vestiti caldi, scarpe e cibo. Mercoledì hanno tutti chiesto asilo alla Lituania.
Афганские жители на границе Ирана и Афганистана  - Sputnik Italia, 1920, 02.09.2021
La situazione in Afghanistan
L'esodo dei migranti dall'Afghanistan: un fiume umano in marcia verso l'Europa
*Organizzazione terroristica estremista illegale in Russia e in molti altri Paesi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала