Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

WSJ: le modifiche all'algoritmo del feed di Facebook aumentano i contenuti negativi

L'app Facebook  - Sputnik Italia, 1920, 15.09.2021
Seguici su
Le modifiche apportate alla visualizzazione del news feed di Facebook avrebbero dovuto attirare gli utenti alla socializzazione tra loro, ma, in pratica, hanno scaturito rabbia e reazioni negative, scrive il giornale Wall Street Journal, citando documenti interni della società.
Il giornale aveva precedentemente pubblicato i risultati di una ricerca che Facebook ha condotto negli ultimi tre anni. I suoi esiti confermano che Instagram può avere un impatto negativo sugli adolescenti, in particolar modo sulle ragazze: i social media possono contribuire allo sviluppo di disturbi alimentari, senso inadeguato del proprio corpo e depressione nei giovani.
Nel 2018, Facebook ha apportato modifiche alla modalità di visualizzazione del news feed.
Secondo quanto dichiarato da Mark Zuckerberg, è stato fatto con l'obiettivo di aumentare l'"interazione socialmente significativa", ovvero spingere gli utenti a comunicare di più con i propri amici o i propri cari, piuttosto che limitarsi al consumo dei contenuti.
Secondo una dichiarazione della società in merito all'aggiornamento dell'algoritmo, l'obiettivo sarebbe stato quello di dare la priorità ai contenuti che stimolano la discussione e l'interazione tra le persone. Per questo motivo, i post che suscitano discussioni nei commenti o quelli che gli utenti desiderano condividere sarebbero mostrati più in alto nel news feed.
Tuttavia, secondo i documenti interni del social network, questo cambiamento non fatto altro che rendere Facebook un "posto più aggressivo". Gli esperti della società hanno scoperto che molti partiti politici hanno rifocalizzato i loro post, dando loro più protesta sociale, negatività e clamore. Alcuni partiti europei sono stati costretti a "cambiare la loro posizione politica". Anche aziende, giornali, marchi sono stati costretti a modificare i propri contenuti, per evitare di subire una diminuzione di visibilità su Facebook.
Come affermato in una e-mail dal portavoce del portale di notizie BuzzFeed, l'algoritmo promuove "le notizie pessime", i post sulla "bizzarra scienza" oppure le pubblicazioni che sfruttano il tema delle differenze razziali.

"Il nostro approccio ha avuto effetti collaterali dannosi per la maggior parte dei contenuti pubblici, come notizie e politica. Disinformazione, tossicità e contenuti violenti prevalgono di gran lunga tra i post condivisi dagli utenti" hanno osservato i dipendenti di Facebook in una nota a disposizione del WSJ.

Secondo i documenti della compagnia, a Zuckerberg è stato proposto di apportare ulteriori modifiche all'algoritmo, volte a contrastare contenuti dannosi e controversi, ma il capo di Facebook ha rifiutato, siccome "potrebbero danneggiare l'altro scopo - fare in modo che gli utenti interagiscano di più con Facebook".
I dipendenti della società hanno raccontato che uno dei motivi del cambiamento nell'algoritmo è stata una diminuzione del livello di interazione degli utenti con la piattaforma. C'erano i timori che, nel tempo, le persone avrebbero smesso del tutto di utilizzare il social network.
Facebook è stato fondato nel febbraio 2004 da Mark Zuckerberg, allora studente diciannovenne, e ha sede a Menlo Park, in California. Di proprietà di Facebook anche Messenger, WhatsApp e Instagram.
Logo Facebook - Sputnik Italia, 1920, 14.09.2021
Facebook lancia la "lista bianca": chi sono gli utenti che possono violare le regole senza punizioni
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала