Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Accoltellamento a Rimini: il bimbo è fuori pericolo

© Foto : Marco Minna - © Agenzia NovaLa sindaca Virginia Raggi inaugura il Corridoio Laurentino, ovvero il tratto di corsia preferenziale per autobus su via Laurentina
La sindaca Virginia Raggi inaugura il Corridoio Laurentino, ovvero il tratto di corsia preferenziale per autobus su via Laurentina - Sputnik Italia, 1920, 12.09.2021
Seguici su
È fuori pericolo il bambino di 6 anni accoltellato alla gola ieri sera da un uomo di 26 anni di origine somala sull’autobus che percorreva il lungomare viale Regina Margherita di Rimini.
Il bambino, di origine bangladese, è stato operato nella notte all'Ospedale Infermi, ed è ora ricoverato in Rianimazione. Per lui i medici non hanno sciolto la prognosi che resta riservata seppure il bambino non è in pericolo di vita. Lo riporta l'Ansa.
Oltre al bambino, colpito mente si trovava insieme alla mamma, sono tutte donne le persone aggredite ieri sera a Rimini dal giovane di 26 anni, in seguito arrestato al termine di una caccia durata alcune ore.
L’uomo è stato arrestato per tentata rapina, tentato omicidio e lesioni, ma potrebbe essergli anche aggiunto il reato di tentata strage, sarà il giudice a valutare.
Per ora non sono chiare le ragioni che stanno dietro al gesto che ieri sera ha provocato il panico in città.
Le altre quattro vittime dello squilibrato somalo non sono in pericolo di vita. Le prime due donne ad essere aggredite sono state due addette ai controlli dei biglietti sull'autobus dove il somalo era salito. Sono state trasportate all'Ospedale Bufalini di Cesena, la più grave ha riportato ferite al torace, al viso e al collo ed ha ricevuto una prognosi di 60 giorni; l'altra addetta se la caverà con 10 giorni di prognosi perché è stata solo lievemente ferita al collo.
Altre due donne sono state ferite durante la fuga: si tratta di una ragazza e di una 77 enne, entrambe sono state ferite solo di striscio alla gola.
Quel che colpisce è che tutte le persone ferite riportano tagli alla gola. Nei prossimi giorni, probabilmente domani, il somalo verrà sentito nell'interrogatorio di garanzia.

I contorni della vicenda

Le indagini della polizia di Rimini, coordinate dal pm Davide Ercolani, proseguono con l'obiettivo di capire i contorni della vicenda, anche se l'ipotesi terrorismo pare esclusa, tuttavia si potrebbe anche trattare del gesto di uno squilibrato lupo solitario.
Il somalo era ospitato in una struttura della Croce Rossa e secondo alcune testimonianze aveva manifestato una personalità violenta e aggressiva. Gli investigatori, anche sulla base delle reazioni dell'uomo, non escludono che fosse sotto l'effetto di alcol o di sostanze stupefacenti.
Secondo le informazioni disponibili, risulta che il somalo era in Italia da qualche mese e aveva presentato domanda per ottenere lo status di rifugiato. Si trovava però in Europa dal 2015 e aveva già fatto domanda per lo status di rifugiato in Danimarca, Svezia, Germania e Olanda senza esito positivo.

Reazioni

Il leader della Lega, Matteo Salvini, ha commentato la notizia su Twitter, scrivendo:
Il leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, ha detto che segue con apprensione quanto avvenuto a Rimini. "Un pensiero e una preghiera per i feriti. Spero che questo criminale la paghi cara", ha aggiunto.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала