Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sanitari no-vax, respinti ricorsi a Bolzano e in Friuli: "giustificato il trattamento differenziato"

© Sputnik . Serkan DemirtaşUna siringa con il vaccino anti-Covid
Una siringa con il vaccino anti-Covid  - Sputnik Italia, 1920, 10.09.2021
Seguici su
Prosegue anche sul piano legale il respingimento delle richieste di reintegrazione al lavoro degli operatori contrari alla vaccinazione.
Come già accaduto in numerosi altri tribunali italiani, anche a Bolzano sono stati respinti i ricorsi presentati da due infermiere no-vax contro la loro sospensione dal servizio. Il collegio giudicante ha esaminato i reclami in merito a due decisioni del giudice del lavoro. Lo riporta l'Ansa.
La sentenza emessa dai giudici è la seguente: “La posizione della ricorrente non è assolutamente equiparabile a quella di coloro che si sono sottoposti al trattamento con il vaccino ed è quindi legittimo, ragionevole e giustificato il trattamento differenziato”, ovvero la sospensione dal servizio senza stipendio.
I giudici intervengono anche con motivazioni che riguardano l’aspetto medico e non soltanto quello giuridico-costituzionale. Questi sottolineano, infatti, che “i vaccini sono stati sottoposti a rigorose sperimentazioni da parte dei ricercatori e a valutazione da parte delle autorità di regolamentazione”.
Il tribunale non accoglie neanche la richiesta di una infermiera di trasmissione degli atti alla procura per presunto reato di epidemia da parte dell'azienda sanitaria e del ministero della salute.

Anche il Tar Fvg respinge ricorso

Sempre secondo l'Ansa, il Tar del Friuli Venezia Giulia ha respinto oggi il ricorso di un infermiere, in servizio in un'Azienda sanitaria della regione, e di un odontoiatra contro il provvedimento di sospensione dal servizio, per il rifiuto a fare il vaccino contro il Covid-19.
I giudici amministrativi hanno ritenuto legittimi i provvedimenti dell'Azienda sanitaria e hanno respinto la richiesta dei ricorrenti di rimettere alla Consulta le questioni di costituzionalità riguardanti la legge che ha posto l'obbligo vaccinale per gli operatori sanitari.
Sondaggio
I medici devono farsi vaccinare?
In precedenza, in Toscana 4.500 sanitari no-vax hanno ricevuto lettere di sospensione.
Non si fermano, inoltre, le sospensioni dal lavoro di infermieri, medici e operatori sanitari che si rifiutano di sottoporsi al vaccino.
Da Reggio Calabria, a Firenze, passando per Cagliari e molte altre città italiane, il numero dei sanitari no-vax sospesi dal servizio senza stipendio si è elevato. Ma va rilevato anche che alcuni alla fine si sono arresi e hanno deciso di vaccinarsi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала