Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a
 - Sputnik Italia, 1920, 18.09.2021
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Kabul: i talebani cancellano i murales occidentali, sostituendoli con frasi di propaganda

© Foto : ArtLords via TwitterMurales del collettivo Artlords a Kabul
Murales del collettivo Artlords a Kabul - Sputnik Italia, 1920, 10.09.2021
Seguici su
L’artista e attivista afghano Omaid Sharifi ha denunciato via Twitter il fatto che molti dei murales dipinti dal suo collettivo ‘Artlords’, a Kabul negli ultimi dieci anni, sarebbero stati cancellati, imbrattati o sostituiti dai talebani con frasi di propaganda.
Il collettivo 'Artlords', si legge nel loro stesso sito, si era posto l’obiettivo di “trasformare il volto aggressivo di Kabul, rovinato dai muri ed edifici devastati, in una piacevole esperienza visiva”. Fondato nel 2014 era un “movimento di artisti e volontari, motivato dal desiderio di aprire la strada alla trasformazione sociale e al cambiamento comportamentale utilizzando il soft power dell'arte e della cultura come approccio non intrusivo”.
Ora però, il fondatore del gruppo, l’artista e attivista afghano Omaid Sharifi, denuncia via Twitter che tutto il loro lavoro, probabilmente, andrà perduto, dato che i talebani* hanno già iniziato a cancellare o imbrattare i loro murales.
I murales raffiguravano di tutto, da George Floyd alla firma dell'accordo USA-talebani, all'annegamento dei rifugiati afghani e all'omicidio del dottor Tetsu Nakamura, un operatore umanitario giapponese ampiamente rispettato nella nazione per il suo lavoro umanitario in Afghanistan, ucciso in un agguato nel 2019.
"Ed è iniziato. I talebani hanno iniziato a rovinare i nostri murales" ha twittato Sharifi venerdì scorso. "Hanno iniziato con quello storico che ha segnato la firma di #DohaDeal. #BaradarKhalilzadMural non c'è più. Lo hanno sostituito con un messaggio in bianco e nero che dice di non fidarsi della propaganda del nemico".
I talebani hanno cancellato diversi altri murales, che circondavano il muro di sicurezza intorno a Kabul, sostituendoli con brevi frasi slogan in pashtu a sostegno della loro ideologia estremista. Una delle frasi, scritta sopra il dipinto di Nakamura, ora recita: "Salvaguardare il sistema islamico e l’indipendenza richiede pazienza e duro lavoro".
*Organizzazione terroristica estremista illegale bandita in Russia e molti altri paesi
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала