Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Gruppi no-vax, l’allarme di Lamorgese: cresce il rischio estremista e lupi solitari

© AP Photo / Gregorio BorgiaLuciana Lamorgese, ministra dell'Interno
Luciana Lamorgese, ministra dell'Interno - Sputnik Italia, 1920, 10.09.2021
Seguici su
Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese non nega che c’è preoccupazione riguardo alla possibilità di atti violenti o destabilizzanti dell’ordine pubblico, dovuti a lupi solitari e piccoli gruppi di persone che si identificano come no-vax e no green pass.
“La preoccupazione c'è, perché i toni salgono sempre di più e c'è il rischio che ci siano estremismi che vanno a incidere sulle manifestazioni, toccando anche persone che non avrebbero quella tendenza, ma che possono confluire nelle manifestazioni con grande disagio per i cittadini”, ha spiegato il ministro, intervenendo alla presentazione del Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli, come riportato da La Stampa.
Un rischio che il ministro riferisce non essere solo nazionale, ma internazionale, tanto che se ne è parlato anche durante il G7, ha detto.
Al momento, quelli che preoccupano sono i lupi solitari, ovvero persone particolarmente fragili e influenzabili.
“È un rischio latente, dobbiamo pensare a persone particolarmente fragili. Si tratta di una situazione difficile”, riferisce il ministro.

I controlli, le manifestazioni e le infiltrazioni criminali

Il ministro ha anche riferito che, dall’inizio della pandemia, sono stati effettuati 50 milioni di controlli, che “ci sono state manifestazioni con infiltrazioni della criminalità”, ma che, nonostante tutto, il sistema di prevenzione e dissuasione ha funzionato bene, come nel caso delle manifestazioni che minacciavano di bloccare le stazioni ferroviarie.

Gli arresti dei giorni scorsi

Negli ultimi giorni, la Polizia di Stato ha portato a termine un'importante operazione investigativa, sfociata in perquisizioni e sequestri di armi in varie città italiane.
Varie persone, in più parti d’Italia, sono state accusate di volere organizzare atti violenti contro giornalisti e contro le istituzioni.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала