Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ryanair, O'Leary spavaldo: "Non temiamo Ita, alla fine fallirà"

© AFP 2021 / Philippe HuguenAereo Ryanair
Aereo Ryanair  - Sputnik Italia, 1920, 08.09.2021
Seguici su
A Roma, l'ad della principale lowcost europea, ha avuto un incontro con Enac sulle strategie di rilancio del traffico e del turismo italiano. Nessun interesse verso il marchio e l'handling Alitalia, mentre annuncia 5 nuove rotte internazionali che saranno operative in inverno.
Ryanair non parteciperà alla gara per la vendita del marchio Alitalia. L'Ad Michael O’Leary ha annunciato la retromarcia mercoledì in conferenza stampa a Roma, dove si è recato per incontro con il presidente Enac, Pierluigi Di Palma, sulle strategie per accelerare il rilancio del traffico e del turismo italiano.

"Il bando di gara per l’handling o il marchio di Alitalia non ci interessano", ha detto. Non è un "asset di valore" e un eventuale acquisto "avrebbe creato confusione con il nostro nome".

"Non temiamo competizione con Ita"

O'Leary non considera una minaccia per Ryanair la partecipazione di Ita alla gara per il brand. "Il marchio non ci servirebbe. Lo vuole Ita e se lo prenderà", ha detto lapidariamente, specificando di "non temere la concorrenza o competizione".
La newco a capitale pubblico "sarà una compagnia molto più piccola, con 50-60 aerei, circa il 60% della compagnia precedente, mentre Ryanair in Italia, per l’estate 2022 dovrebbe avere circa 200 velivoli. Questa riduzione di capacità è una sfida per Ryanair per cogliere le opportunità".
Il manager si dice sollevato "che si stia andando verso la risoluzione della situazione" con Ita e spera che "possa avere successo". La sue previsioni, però, sono tutt'altro che positive. Nel medio termine ritiene che la compagnia non farà utili e sarà costretta ad attingere al capitale pubblico.
"Anche la nuova compagnia riceverà soldi pubblici come la vecchia ma alla fine anche Ita fallirà", prevede.

Gli slot di Alitalia

L'impegno di Ryanair per il rilancio del traffico aereo e del turismo italiano è stato al centro dell'incontro avvenuto questa mattina con il presidente Enac. O'Leary ha annunciato l'apertura di 5 nuove rotte che dal prossimo inverno collegheranno Roma, da Ciampino e Fiumicino, con Agadir, Amman, Fez, Riga e Tallinn.
O'Leary è chiarissimo: "Abbiamo chiesto e continuiamo a reiterare che gli slot di Alitalia che non sono utilizzati, a Fiumicino, Linate e Malpensa, vengano rilasciati per consentire a Ryanair e ad altre compagnie aeree di utilizzarli”.

Le nuove rotte

L'impegno di Ryanair per il rilancio del traffico aereo e del turismo italiano è stato al centro dell'incontro avvenuto questa mattina con il presidente Enac. O'Leary ha annunciato l'aperturadi 5 nuove rotte che dal prossimo inverno collegheranno Roma, da Ciampino e Fiumicino, con Agadir, Amman, Fez, Riga e Tallinn.
L'obiettivo è quello di ripristinare i livelli pre-pandemia già dall’estate 2022 con 45-50 milioni di passeggeri l’anno, superiore ai 40 milioni che trasportavamo prima del Covid.
Su Milano la proposta di Ryanair è quella di aprire due nuovi hangar a Milano Bergamo, per una crescita occupazionale di circa 150 posti di lavoro in loco.
"Il nostro impegno – ha aggiunto – è di lavorare insieme a Enac per accelerare il più possibile la ripresa e la crescita del traffico e del turismo nel mercato italiano”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала