Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a
 - Sputnik Italia, 1920, 18.09.2021
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Michel: “Gli Stati Uniti non ci hanno praticamente consultato per il ritiro dall’Afghanistan”

© REUTERS / Olivier MatthysIl presidente del Consiglio UE Charles Michel
Il presidente del Consiglio UE Charles Michel - Sputnik Italia, 1920, 08.09.2021
Seguici su
L’Ue tragga insegnamento e adesso si punti all’autonomia strategica dell’Europa. È la posizione del presidente del Consiglio europeo.
Le immagini drammatiche e lo scenario che arrivano dall’Afghanistan offrono un “quadro tragico” e illustrano quello che è stato “un fallimento per la comunità internazionale”.
Per il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, il contesto e le conseguenze del ritiro dal Paese sono molto chiare.
Michel, in un’intervista realizzata dal direttore del Grand Continent Gilles Gressani, pubblicata da La Stampa, va anche oltre e denuncia che “quando gli Stati Uniti hanno scelto di negoziare con i talebani*, sotto l’amministrazione Trump, e poi hanno confermato il loro ritiro, l’hanno fatto consultandosi pochissimo - se non per niente - con i partner europei”.

Una lezione da cui trarre insegnamento

Per Michel, però, adesso l’Ue deve fare un passo in avanti, dare una svolta e riprendere in mano l’idea dell’autonomia strategica dell’Ue, “che mira a rafforzare la nostra capacità di influenza, secondo i nostri interessi e valori, insistendo anche sulla nostra capacità d’azione”.

Un progetto che fa bene all’Ue, ma anche al resto del mondo, secondo Michel.
Soprattutto perché “deve essere fonte di preoccupazione” che le potenze economiche mondiali racchiuse nell’Ue non siano state in grado, congiuntamente, di “fornire l’assistenza necessaria per evacuare i propri cittadini e gli afghani” senza l’aiuto degli Stati uniti.

Il dopo Trump

Il presidente del Consiglio europeo passa poi a parlare dei rapporti con Washington con la nuova amministrazione Biden.

“Stiamo assistendo al ripristino di un dialogo più normale e fruttuoso, che ci ha permesso, in pochi mesi, di sviluppare convergenze su temi importanti per i nostri interessi comuni”.

Ma, nonostante il miglioramento, “mi sembra che ci sia una tendenza strutturale negli Stati Uniti, che esisteva già prima di Donald Trump, a dare priorità agli interessi americani”.
*Organizzazione terroristica estremista illegale in Russia ed in altri Paesi
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала