Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Gratta e vinci rubato, il tabaccaio incastrato da una registrazione del nipote dell'anziana

Gratta e vinci
Gratta e vinci - Sputnik Italia, 1920, 08.09.2021
Seguici su
Ora il malvivente dovrà rispondere anche del reato di tentata estorsione.
Gaetano Scutellaro, il 57enne tabaccaio sottoposto a fermo dai Carabinieri con l'accusa di aver sottratto un biglietto vincente da 500.000 euro ad un'anziana signora, dovrà ora rispondere anche dell'accusa di tentata estorsione.
L'uomo avrebbe infatti proposto la restituzione del biglietto vincente, con spartizione al 50% del premio in denaro, in cambio del ritiro della denuncia.
Ad incastrarlo, una registrazione telefonica effettuata dal nipote della vittima, all'insaputa del tabaccaio.

Stando alle ricostruzioni, a due giorni dalla sparizione del tagliando vincente, Scutellaro avrebbe contattato il nipote dell'anziana per avanzare la sua proposta.

Senza sapere che la telefonata veniva registrata, grazie ad un app installata sullo smartphone del nipote, Scutellaro si è lasciato andare a delle affermazioni inequivocabili, che lo hanno messo ancora di più nei guai.
Agenti dell'Agenzia Dogane e Monopoli nella tabaccheria di Napoli dov'è avvenuto il furto del gratta e vinci - Sputnik Italia, 1920, 05.09.2021
Tabaccaio di Napoli impazzito, fermato a Fiumicino voleva scappare alle Canarie

I fatti

Gaetano Scutellaro è stato denunciato a piede libero per il furto di un biglietto gratta e vinci del valore di 500.000 euro ai danni di un'anziana signora, al quale era stato venduto proprio dalla sua ricevitoria sita in Via Materdei nel cuore di Napoli.
L’anziana donna, anche lei del quartiere, aveva acquistato il gratta e vinci e, una volta scoperte tutte le caselle, si era resa conto di aver vinto 500 mila euro.
Purtroppo, non sapendo in che altro modo riscuotere la vincita, si è affidata al tabaccaio. In un primo momento, l’impiegato addetto al banco dei servizi di ricevitoria ha verificato attraverso il terminale che effettivamente si trattava di un biglietto vincente, ma, prima di attivare la pratica di riconoscimento della vincita per associarla alla signora, il titolare della tabaccheria ha preso lui il biglietto, affermando di volerlo controllare personalmente.
Ed invece ha infilato il tagliando vincente in tasca, ha indossato il casco e si è allontanato dalla sua tabaccheria lasciando i presenti attoniti.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала