Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Green Pass e vaccini, intesa più vicina tra sindacati e imprese se lo Stato paga i tamponi

© Foto : CGIL Maurizio Landini alla manifestazione del 1 maggio a Terni
Maurizio Landini alla manifestazione del 1 maggio a Terni - Sputnik Italia, 1920, 07.09.2021
Seguici su
Le parti sociali chiedono che il governo li garantisca in forma gratuita. L’incontro tra Landini e Draghi segna un’apertura sull'estensione del certificato vaccinale.
Il premier Mario Draghi è impegnato, in queste settimane, su due tavoli, che rappresentano due facce della stessa medaglia: quella che parla di green pass e della sua estensione, obbligo di vaccini e lavoratori.
Ieri, il premier ha visto il segretario della Cgil Maurizio Landini e, secondo fonti di Palazzo Chigi, riportate da La Stampa, c’è l’ipotesi di uno slittamento della cabina di regia, che dovrà decretare l’estensione, da ottobre, del green pass alla P.a. e ai dipendenti di parte del privato come bar, palestre, ristoranti e trasporti.

L’obiettivo sarebbe quello di negoziare e ampliare la platea dei lavoratori a cui estendere l’obbligo. Un traguardo che sembra più vicino, soprattutto dopo il vertice tra sindacati e Confindustria che ieri, dopo mesi di strali, ha visto un riavvicinamento.

I sindacati dicono sì al green pass, le aziende all’obbligo vaccinale. Resta in sospeso il costo dei tamponi, che sia Confindustria che sigle sindacali chiedono sia a carico dello Stato.
Se questo asse si rafforzasse, il premier Draghi potrebbe anche mettere a tacere la parte della Lega che è contraria all’estensione del green pass.
Scuola con banchi - Sputnik Italia, 1920, 06.09.2021
Scuola, ministro Bianchi non esclude l'obbligo di vaccinazione

L’intesa a viale dell’Astronomia

Il pomeriggio di ieri nella sede di Confindustria, a Roma, sembra aver fatto cambiare passo alle trattative tra aziende e sindacati.

Il risultato è da una parte il via libera al certificato vaccinale sul posto di lavoro, se a farsi carico dei costi dei tamponi è lo Stato, e dall’altro la luce verde al vaccino obbligatorio, in caso di una decisione in tal senso dal governo.

Il presidente di Confindustria Carlo Bonomi si è detto soddisfatto dei colloqui.
Il leader della Cisl Luigi Sbarra ha definito il meeting “positivo”, con una “comune convergenza sulla richiesta al governo e al Parlamento di assumersi per intero le responsabilità nell'adottare un provvedimento legislativo che sancisca l'obbligo della vaccinazione per tutti i cittadini”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала