Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Facebook, persone di colore etichettate come "primati" in un video del 2020

© Sputnik . Ramil SitdikovFacebook logo
Facebook logo - Sputnik Italia, 1920, 06.09.2021
Seguici su
Alla base dell'accaduto ci sarebbe un errore da parte dell'algoritmo utilizzato dal social network di Mark Zuckerberg.
Una sequenza filmata, pubblicata dal Daily Mail, datata giugno 2020 e che vedeva protagonisti degli individui di colore mentre discutevano con altre persone e degli agenti di polizia, è stata categorizzata da Facebook come video sui "primati".
Sotto al video veniva inoltre chiesto all'utente visitatore della pagina se fosse interessato a "guardare altri video sui primati".
A riportare la notizia, che è destinata certamentea far discutere negli USA, è stato il New York Times.
L'errore, stando a quanto trapelato, sarebbe dovuto ad un'etichettatura erronea da parte di Google, che nel 2015 aveva marcato con la parola "gorilla" le fotografie di persone di colore.

"Sappiamo che la nostra Intelligenza Artificiale non è perfetta e che dobbiamo migliorare. Ci scusiamo con chiunque possa aver visto questi suggerimenti offensivi", è stato il commento di un portavoce di Facebook.

La compagnia ha dunque attribuito l'etichetta sbagliato ad un errore di interpretazione da parte dell'algoritmo automatico usato da Facebook per i contenuti audiovisvi.
L'accaduto è stato definito "inaccettabile" su un forum dove sono pubblicati contenuti da parte di dipendenti attuali e passati di Facebook.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала