Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a
 - Sputnik Italia, 1920, 18.09.2021
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Stoltenberg a favore della partecipazione russa negli sforzi antiterrorismo in Afghanistan

© AP Photo / Francois LenoirIl segretario generale della NATO Jens Stoltenberg
Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg - Sputnik Italia, 1920, 05.09.2021
Seguici su
La Russia e la Cina dovrebbero svolgere un ruolo nell'impedire che il terrorismo si diffonda in Afghanistan dopo il ritiro delle truppe straniere, ha riferito domenica a The Telegraph il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.
"Sono fortemente d'accordo che l'intera comunità internazionale, incluse Russia e Cina, debba lavorare per evitare che l'Afghanistan sia un luogo dove i gruppi terroristici possano operare liberamente e preparare, organizzare, pianificare, finanziare attacchi contro i nostri paesi", ha detto Stoltenberg.
Ha riconosciuto che la presa di Kabul da parte dei talebani* il 15 agosto era "naturalmente... legata al fatto che gli alleati della Nato hanno deciso di terminare questa missione militare in Afghanistan". Le ultime forze statunitensi hanno lasciato l'Afghanistan nelle prime ore del 31 agosto.
Stoltenberg ha accolto con favore maggiori sforzi europei sulla difesa e ha detto che l'Europa e il Nord America devono mantenere il loro legame.
"Qualsiasi tentativo di stabilire strutture parallele, duplicare la struttura di comando, indebolirà la nostra capacità congiunta di lavorare insieme perché con risorse scarse dobbiamo evitare duplicazioni e sovrapposizioni di sforzi. Le proposte specifiche non sono state discusse nella NATO, non abbiamo visto alcun dettaglio", ha detto il segretario generale della NATO.
Ha ammesso che dopo oltre 20 anni di investimenti stranieri nella sicurezza afghana, era ragionevole aspettarsi che le autorità governative sarebbero state in grado di resistere più a lungo ai talebani.
Il portavoce del Ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, martedì ha detto che il caos in Afghanistan è direttamente collegato al ritiro delle truppe straniere e ha espresso la speranza che le nazioni occidentali si rendano conto che il ritiro delle forze non è la fine delle loro responsabilità e che dovrebbero fornire supporto economico e umanitario al popolo afghano per aiutarlo a imboccare la strada della ripresa.
Venerdì il presidente russo, Vladimir Putin, ha chiesto di unire gli sforzi internazionali sull'Afghanistan e di prendere decisioni comuni sul riconoscimento delle forze politiche. Putin ha sottolineato che sono necessari sforzi combinati per combattere efficacemente il terrorismo.
Vladimir Putin - Sputnik Italia, 1920, 03.09.2021
La situazione in Afghanistan
Putin sull'Afghanistan: "non si può imporre la democrazia"
L'alto rappresentante dell'UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell, ha detto venerdì che l'Unione Europea intende coordinare i contatti con i Talebani attraverso una presenza congiunta dell'UE nella capitale afghana Kabul.
*I talebani sono un'organizzazione terroristica messa fuori legge in Russia e in molti altri stati.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала