Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

In arrivo il super green pass: ecco cos'è e quando entrerà in vigore

© Sputnik . Evgeny UtkinControlli di Green Pass alla stazione ferroviaria di Milano, Porta Garibaldi
Controlli di Green Pass alla stazione ferroviaria di Milano, Porta Garibaldi - Sputnik Italia, 1920, 05.09.2021
Seguici su
Giovedì la cabina di regia per decidere quali saranno le categorie di lavoratori alle quali estendere l'obbligo del certificato a partire da ottobre. Si pensa ad una legge, se non si arriva al 90 per cento di immunizzati con almeno una dose.
La data c’è già, ed è quella del 4 ottobre. Tra un mese, quindi, potrebbe entrare in vigore il nuovo decreto, che prevede l’estensione dell’obbligo del green pass ai dipendenti della pubblica amministrazione e a tutta una serie di lavoratori.
La cabina di regia, come si legge sul Giornale.it, dovrebbe riunirsi nella giornata di giovedì della prossima settimana. Si discuterà dell’ampliamento dell’utilizzo del lasciapassare. Il governo, in particolare, punta ad obbligare i dipendenti pubblici a mostrare il certificato anti-Covid per entrare in ufficio.
Non solo. Assieme agli statali, ad essere sottoposti all’obbligo di green pass per lavorare potranno essere tutti coloro che svolgono professioni a contatto con il pubblico. Si parla di camerieri, baristi, impiegati nelle palestre e nei centri sportivi, nei teatri, nei cinema, autisti dei mezzi pubblici.
Insomma, chiunque lavori negli esercizi in cui oggi l’ingresso è subordinato al possesso della certificazione potrebbe dover dimostrare di essere vaccinato, guarito o negativo al tampone.
In questo modo, il governo punta ad incrementare il numero delle iniezioni. Sono ancora circa 4 milioni, secondo i dati forniti a Sputnik dall’infettivologo Matteo Bassetti, gli over 50 che non hanno ricevuto neanche una dose e oscillano tra i 7 e gli 8 milioni i giovani sotto i 50 anni rimasti senza la protezione del vaccino. Numeri che, secondo l’esperto, con l’arrivo imminente della quarta ondata, rischiano di “riportarci indietro all’ottobre del 2020”.
Matteo Bassetti, infettivologo, primario dell’ospedale San Martino di Genova - Sputnik Italia, 1920, 03.09.2021
Obbligo vaccinale, Bassetti a Sputnik: "Draghi ha ragione, sui vaccini basta con l'ideologia"
L’obiettivo dell’esecutivo di Mario Draghi, quindi, è arrivare all’autunno con il 90 per cento di immunizzati con la prima dose. Altrimenti, come anticipato dal premier davanti ai giornalisti, si valuta l’opzione dell’introduzione dell’obbligo vaccinale.
Un’ipotesi che trova il sostegno di Pd, Forza Italia, M5S e Italia Viva, ma che lascia perplessa la Lega. “Rimaniamo culturalmente e per convenienza per i cittadini, sostenitori della volontarietà e della libertà di scelta", è la posizione espressa da Matteo Salvini, citato dall'Adnkronos, che invoca la gratuità dei tamponi.
Il compromesso raggiunto per ora, sempre secondo quanto si apprende dal Giornale, che cita fonti dell’esecutivo, sarebbe quello di aspettare un paio di mesi per capire se, con le nuove regole, la percentuale dei vaccinati aumenterà.
Se non si raggiungerà la soglia del 90 per cento di immunizzati, però, la vaccinazione anti-Covid potrebbe essere imposta per legge.
Continuano, intanto, le discussioni sull’obbligo del green pass anche per le aziende. Si tratta con i sindacati e Confindustria, anche se sono ancora molte le incognite sul tavolo.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала