Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a
 - Sputnik Italia, 1920, 18.09.2021
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Ministro degli Esteri danese: nessun governo talebano sarà riconosciuto dalla Danimarca

© Fotolia / СmfotoworksBandiere della Danimarca
Bandiere della Danimarca - Sputnik Italia, 1920, 04.09.2021
Seguici su
La presa di potere da parte dei talebani è avvenuta alla luce del frettoloso ritiro delle truppe statunitensi, dopo una missione di quasi 20 anni, terminata il 31 agosto.
Nonostante il gruppo affermi regolarmente di cercare un governo inclusivo, per porre fine alla guerra, e che fornirà alcuni diritti e libertà dei cittadini nel quadro della legge islamica, le preoccupazioni rimangono.
Il ministro degli Esteri danese, Jeppe Kofod, ha dichiarato che nessun governo talebano sarà riconosciuto dalla Danimarca, segnando la prima dichiarazione del genere da parte di un paese occidentale coinvolto nell'intervento ventennale in Afghanistan guidato dagli Stati Uniti.
Mentre i talebani* dicono che annunceranno il nuovo governo venerdì, dopo le preghiere musulmane, Kofod ha detto all'emittente danese DR che la Danimarca "non riconosce alcun governo talebano".
L'emittente ha citato Jeppe Kofod, affermando che le istituzioni del paese sono preoccupate di "assicurare che i progressi che abbiamo fatto attraverso due decenni di sforzi in Afghanistan possano essere garantiti".
Afghanistan, Talebani* - Sputnik Italia, 1920, 03.09.2021
La situazione in Afghanistan
Ispettore speciale per l'Afghanistan: “L’intervento occidentale ha solo peggiorato la situazione”
La preoccupazione più urgente, per il ministro degli Esteri, è che tutti coloro che sono sulla lista d'evacuazione del paese siano messi nelle condizioni di lasciare l'Afghanistan "in buon ordine".
Commentando le speculazioni dei media sull'annuncio del governo, un portavoce dei talebani, Bilal Karimi, ha detto a Sputnik che la data in cui il nuovo governo afghano sarà presentato non è ancora nota e che il ritardo è dovuto a problemi tecnici.
Karimi ha promesso che la composizione del governo sarà annunciata nel prossimo futuro e ha fatto notare che le consultazioni sulla formazione del governo sono state completate.
Tuttavia, il portavoce ha rifiutato di confermare o negare che il nuovo governo sarà guidato da Abdul Ghani Baradar, il capo dell'ufficio politico dei talebani.
Sempre venerdì, alla luce delle crescenti preoccupazioni sul destino delle libertà e dei diritti delle donne in un paese ora governato dagli islamisti, il primo ministro danese, Mette Frederiksen, si è unita ad altre donne, leader europee, in una dichiarazione, promettendo sostegno ai "diritti e alle opportunità" delle donne afgane.
"Oggi mi sono unita a dieci colleghe per rassicurare le donne e le ragazze afghane che seguiremo da vicino gli sviluppi nel loro paese, ascolteremo le loro voci e continueremo a sostenere i loro diritti e opportunità", ha scritto Frederiksen su Twitter.
Nel frattempo, giovedì, un altro rappresentante dei talebani, Zabihullah Mujahid, ha detto al quotidiano italiano La Repubblica che non ci saranno donne ministro nel nuovo governo afghano.
Herat: donne manifestano contro l'esclusione dalla politica sotto il dominio dei talebani - Sputnik Italia, 1920, 03.09.2021
La situazione in Afghanistan
Afghanistan: le donne invocano il diritto al lavoro e all'istruzione - Video
Tuttavia, ha sottolineato che "le donne potrebbero, per esempio, lavorare nei ministeri, nelle forze di polizia o, per esempio, nella magistratura, come assistenti" a causa delle restrizioni imposte dal Corano e dalla Sharia. Ha anche promesso che alle donne sarebbe stato permesso di frequentare le università.
I funzionari talebani hanno ripetutamente sottolineato che il prossimo governo rappresenterà "tutti gli afghani" e sarà un governo di "unità nazionale".
I Talebani hanno preso Kabul il 15 agosto, terminando un'offensiva durata settimane e ponendo fine al governo sostenuto dagli Stati Uniti, per lo più scappato all’estero.
*Organizzazione terroristica estremista illegale in Russia e in diversi altri paesi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала