Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

A Bruxelles rilasciato commento sul riconoscimento del vaccino russo per green pass

© Sputnik . Alexey Vitvitsky / Vai alla galleria fotograficaBandiere dell'UE a Bruxelles
Bandiere dell'UE a Bruxelles - Sputnik Italia, 1920, 02.09.2021
Seguici su
Per un rappresentante della Commissione Europea la Russia ha ricevuto informazioni tecniche sui certificati vaccinali contro il Covid.
La Russia ha ricevuto le informazioni tecniche necessarie sul sistema di certificazione verde sul Covid (green pass), ma non ci sono ancora negoziati ufficiali sul tema, ha dichiarato a Sputnik un rappresentante della Commissione Europea.

"Siamo stati contattati da molti Paesi del mondo interessati al certificato digitale europeo sul coronavirus. Informazioni generali e tecniche sul certificato vengono trasmesse a molti Paesi terzi attraverso gli uffici di rappresentanza della Ue. Anche la Russia è inclusa nell'elenco di tali Paesi. Non c'è alcun negoziato, si parla di prime informazioni generali e tecniche che sono state inviate", ha affermato l'interlocutore dell'agenzia.

Dal 1° luglio la Ue ha lanciato ufficialmente il sistema di certificazione verde (green pass), che conferma che il suo possessore è completamente vaccinato contro il coronavirus o è risultato negativo ad un tampone o è guarito dal Covid ed ha gli anticorpi.
Nove Paesi extra-Ue hanno aderito al sistema europeo di certificazione verde, in modo da vedersi riconosciuti i propri certificati-Covid su base reciproca: Norvegia, Islanda, Liechtenstein, Svizzera, Città del Vaticano, San Marino, Macedonia del Nord, Turchia, Ucraina.
Il vaccino russo Sputnik V contro il coronavirus a San Marino - Sputnik Italia, 1920, 02.09.2021
Sputnik V, aziende farmaceutiche americane discutono la produzione del preparato per l'esportazione
Il 17 agosto scorso il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov aveva auspicato che la Commissione Europea avrebbe accelerato la discussione con Mosca sul riconoscimento reciproco dei certificati di vaccinazione contro il coronavirus.
Al momento nessun vaccino anti-Covid sviluppato in Russia è stato ancora riconosciuto dal regolatore europeo dei farmaci (Ema), tuttavia diversi Paesi della Ue hanno dato l'autorizzazione per l'uso di Sputnik V. Dal 4 marzo Sputnik V si trova nella fase di rolling review dell'Ema in attesa di ricevere il riconoscimento.
In precedenza l'ambasciatore della Ue in Russia Markus Ederer ha affermato che i diplomatici europei stanno lavorando con le controparti russe sul riconoscimento reciproco dei certificati digitali di vaccinazione contro il coronavirus.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала