Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Un’utopia chiamata esercito europeo

© Foto del bloggerL'Europa si doterà di un proprio esercito?
L'Europa si doterà di un proprio esercito? - Sputnik Italia, 1920, 01.09.2021
Seguici su
Dopo il fiasco, a guida americana, in Afghanistan, riemergono i progetti per una forza comune, strumento delle visioni politiche di Bruxelles. Ma il rischio che tutti temono è quello di un comando militare pronto a seguire interessi diversi da quelli nazionali.
E resta difficilmente colmabile il deficit morale di un'Europa poco disposta a sopportare le dolorose perdite umane richieste dagli interventi nelle aree di crisi.
Il progetto di un comune esercito europeo ricorda quelli per il ponte sullo Stretto di Messina: tutti lo definiscono indispensabile e ne rimpiangono la mancata realizzazione, ma nessuno muove mai un dito per trasformarlo in realtà. Altrimenti non si spiegherebbe come mai il trattato sulla Difesa Comune Europea, firmato nel lontano 1952, non sia mai stato ratificato da nessuno dei sei paesi firmatari (Belgio, Francia, Italia, Lussemburgo, Olanda, Germania) e perché sia rimasta lettera morta anche quell’articolo 42 del “Trattato dell’Unione Europea” - in vigore dal 2009 - che prevede l’avvio di una politica di difesa comune per iniziativa di almeno nove stati membri. Un’iniziativa mai assunta, alla quale sono stati preferiti progetti embrionali e ristretti alla collaborazione fra stati confinanti.
Primo fra tutti, quello tra Berlino e Parigi che, nel 2009, hanno creato una divisione franco-tedesca, battezzata “Eurocorp” e con base in Alsazia. Ma proprio le difficoltà linguistiche e culturali hanno contribuito, alla fine, a trasformarla in uno strumento di assai complesso utilizzo. Ancor meno esemplare la storia del “Battaglione Corazzato 414”: fondato nel 2019 grazie a personale olandese e carri armati tedeschi, risponde non tanto ad un esigenza europea, quanto a garantire un numero sufficiente di carri armati ad un'Olanda priva di unità corazzate.
Il drone americano di ricognizione RQ-4 Global Hawk - Sputnik Italia, 1920, 14.12.2020
Difesa europea, verso la firma dell'accordo per l'eurodrone
Certo, la risposta più semplice per giustificare l’attendismo europeo nel campo della Difesa comune si chiama Nato. L’America e l’Alleanza Atlantica non hanno mai visto di buon occhio progetti capaci di sottrarre risorse alla visione geopolitica imperniata sull’asse dell’alleanza Atlantica, ma a riportare in prima pagina il progetto di una forza di difesa europea ha contribuito, soprattutto, il drammatico cedimento di quell’Asse sul fronte afghano.
Il drammatico fallimento su quel fronte delle strategie e delle linee d’intervento dettate da Washington sta, infatti, spingendo i paesi europei a rivedere il proprio orientamento. Per non ritrovarsi nuovamente coinvolti in fallimenti decisi altrove, ma anche per far fronte al ripiegamento statunitense da scenari - come Sahel e Medio Oriente - cruciali per la propria sicurezza, l’Europa sta riesaminando i progetti per la nascita di una forza di difesa autonoma. Alcune indispensabili premesse sono già state messe nero su bianco: il bilancio europeo, approvato nel 2020, prevede lo stanziamento di 8 miliardi per quel Fondo di Difesa Europeo (Edf, European Defence Fund) che garantirà all’Unione lo sviluppo di nuove tecnologie per la difesa e l’acquisto di armamenti destinati non solo all’Europa, ma anche a paesi esteri; in questa direzione va anche l’“European Peace Facility” (Epf - Struttura europea di pace), che punta specificamente a garantire l’addestramento e l’armamento di forze militari non europee. Un passo con cui l’Unione si potrà assumere la responsabilità di armare e addestrare eserciti in aree cruciali per la sicurezza del Vecchio Continente. Già oggi le missioni europee impegnate nel Sahel possono dunque contribuire, in un’ottica di contenimento del terrorismo jihadista, all’armamento e all’addestramento delle forze armate di Mali, Niger e Burkina Faso.
Il confine del Niger - Sputnik Italia, 1920, 21.06.2021
Emanuela Del Re nominata inviato speciale Ue per il Sahel, “vera frontiera dell’Europa”
E lo stesso potrebbe avvenire in altre aree strategiche. Ma il problema principale è con quali forze farlo. Sul terreno esistono, infatti, i contingenti dei vari stati europei, ma non certo una forza militare comune pronta a rispondere alle direttive strategiche e geopolitiche di Bruxelles. E proprio questo è il punto cruciale. La creazione di un esercito europeo rischia infatti di creare gli stessi squilibri generati dall’Euro, una moneta che - complice l’assenza di una politica economica europea - si è trasformata in strumento delle politiche finanziarie di Berlino. Proprio per questo, molti dei 27 si guardano bene dall’ipotizzare un'ulteriore cessione di sovranità, trasferendo uomini e mezzi sotto un comando comune, strutturato per agire sulla base di interessi diversi da quelli nazionali.

Da questo punto di vista, l’esempio più evidente è la creazione di un’ipotetica forza navale chiamata a garantire il soccorso ai migranti nel Mediterraneo, con l’obbiettivo, non altrettanto ipotetico, viste le esperienze pregresse, di sbarcarli sulle coste italiane, anziché distribuirli tra i vari paesi europei. Ma ancor più pericoloso sarebbe, in teoria, affidarsi ad un comando militare pronto a privilegiare le mosse francesi in Libia, a tutto svantaggio degli interessi italiani. O, peggio ancora, una missione d’interposizione pronta ad operare nel Donbass d’intesa con Kiev e capace di allargare la crisi con la Russia, danneggiando i rapporti tra Roma e Mosca.

Insomma, dietro l’impossibilità di creare una forza di difesa, aleggia come sempre l’incapacità dell’Europa di definire una visione politica comune. Ma se anche un miracolo donasse a Bruxelles una compattezza politica e una comune visione strategica, resterebbe quanto mai irrisolto il problema della tenuta morale. Gli Usa, nel tentativo d’imporre le proprie politiche, hanno perso quasi 4500 soldati in Iraq e oltre 2500 in Afghanistan. Perdite terribili, che nessun stato europeo avrebbe la forza morale di accettare. Neppure se suddivise tra tutti i Ventisette.
L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала