Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Cina: le navi straniere dovranno informare le autorità prima di entrare in acque territoriali

© AP Photo / MC2 Marcus StanleyNave Usa della classe Ticonderoga nel Mar Cinese Meridionale
Nave Usa della classe Ticonderoga nel Mar Cinese Meridionale - Sputnik Italia, 1920, 01.09.2021
Seguici su
La stretta interessa navi che trasportano materiale radioattivo, combustibile, prodotti chimici, gas naturale liquefatto, nonché sommergibili, nucleari o a motore.
Pechino impone una stretta all'ingresso delle acque di propria competenza, incluso lo specchio d'acqua conteso del Mar Cinese Meridionale. Le navi straniere dovranno comunicare alle autorità marittime se trasportano merci pericolose o se rappresentano una minaccia per la sicurezza del traffico marittimo.
Le nuove regole, che entrano in vigore mercoledì 1 settembre, sono il risultato delle revisioni alla Legge sulla sicurezza del traffico marittimo, effettuate ad aprile dal Comitato permanente dell'Assemblea nazionale del popolo.

Quali navi sono colpite dal provvedimento?

Il provvedimento interessa le navi che trasportano materiale radioattivo, petrolio sfuso, prodotti chimici, gas naturale liquefatto e altre sostanze tossiche e nocive, nonché tutti i sommergibili, nucleari, navi a motore o imbarcazioni "ritenute una minaccia alla sicurezza del traffico marittimo del Paese”.

Multa per le violazioni

L'equipaggio dovrà fornire il nome della nave, il nominativo, la posizione e le merci pericolose a bordo. In caso contrario, la multa per la violazione è fino a 47.000 dollari , riferiscono le fonti.

Misure di quarantena

Una clausola separata impone ai capitani di attuare "misure di risposta di emergenza", nel caso in cui a bordo emergano malattie infettive che potrebbero rappresentare una seria minaccia per la salute degli altri. La legge stabilisce che le misure di quarantena e la situazione d'emergenza siano segnalate alle autorità marittime, secondo l'agenzia di stampa Xinhua. Anche questa clausola entra in vigore mercoledì 1 settembre.

Le tensioni nel Mar Cinese Meridionale

Secondo alcuni esperti del South China Morning Post, il provvedimento mira ad incrementare il controllo sul Mar Cinese Meridionale, conteso con Taiwan e parzialmente con Vietnam e Filippine.
Ad aprile, i pescatori cinesi hanno trovato una piccola barca drone a energia solare piena di antenne e apparecchiature di sorveglianza, descritta dalla China Central Television come "un dispositivo di ricognizione piazzato segretamente da un paese straniero nelle acque cinesi".
Il dispositivo non è stato identificato pubblicamente, ma SCMP ha notato che molti sui social media credevano che assomigliasse da vicino a un dispositivo costruito da Liquid Robotics, una consociata del colosso statunitense dei contratti di difesa Boeing.
Più recentemente, Pechino ha protestato contro il passaggio di navi militari nello specchio d'acqua conteso. Proprio domenica sarebbe stato avvistato un cacciatorpediniere statunitense nello stretto di Taiwan, mentre a luglio una nave da guerra statunitense ha navigato a poche miglia da una delle isole Paracel, nel Mar Cinese Meridionale settentrionale.
Un elicottero WZ10 dell'Aeronautica Militare Cinese - Sputnik Italia, 1920, 30.07.2021
Mar Cinese Meridionale, la Cina reagirà al transito del gruppo d'attacco britannico
Tuttavia, mentre gli Stati Uniti hanno cercato di provocare un conflitto nella regione e hanno dipinto la Cina come aggressore e pericolo per le altre nazioni, i negoziati di Pechino con l'Associazione delle Nazioni del Sudest asiatico (ASEAN) verso un Codice di condotta unificato per il Sud Il Mar Cinese ha compiuto lenti progressi, mettendo a punto una parte importante del documento all'inizio di questo mese. Una volta completato, il codice di condotta fornirà un quadro giuridico mediante il quale regolare tali interazioni marittime nel Mar Cinese Meridionale.
A giugno, anche i capi della marina vietnamita e cinese hanno concordato di istituire una linea diretta navale per risolvere le emergenze.
L'agenzia di stampa giapponese Kyodo ha osservato che la legge riguarderà anche le isole Senkaku, controllate dai giapponesi, nel Mar Cinese Orientale, che Pechino chiama Diaoyu.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала