Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sciopero alla Pirelli di Settimo Torinese: "La quarantena la devono pagare i lavoratori? Anche no!"

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaPneumatici Pirelli
Pneumatici Pirelli - Sputnik Italia, 1920, 31.08.2021
Seguici su
I lavoratori incroceranno le braccia mercoledì 1 settembre per un'ora e mezza di sciopero indetta dalle Rsu in protesta contro lo stop alla retribuzione delle quarantene.
I lavoratori del polo industriale Pirelli di Settimo Torinese mercoledì 1 settembre incroceranno le braccia per un'ora e mezza. Lo sciopero è stato proclamato dalle Rsu contro lo stop alle coperture per la quarantena, che di fatto graverà sui dipendenti.

"Mentre l'opinione pubblica si distrae divisa tra pro-vax, no-vax e green pass, a causa di una carenza normativa che di fatto scarica su lavoratrici e lavoratori, parti sociali e imprese, il compito di sopperire alla ormai inevitabile necessità di decretazione dell'obbligo vaccinale, attualmente non pervenuta anche per l'impossibilità di trovare una sintesi all'interno di questa (troppo) larga maggioranza di governo, sullo sfondo si aggirano gli spettri di due stangate devastanti per lavoratrici e lavoratori", si legge in un comunicato pubblicato sul web dal titolo "La quarantena la devono pagare i lavoratori? Anche no!".

Il riferimento è al messaggio n.2842 del 6 agosto 2021, con cui l'Inps ha comunicato che attualmente il governo non ha previsto la copertura per l'anno in corso e dunque la quarantena non è equiparabile alla malattia. In breve, chi entra a contatto con un positivo dovrà restare a casa a proprie spese.
"Una vera e propria bomba sociale , destinata ad esplodere qualora i Lavoratori altrimenti scoperti economicamente, decidessero di omettere eventuali contagi".
Inoltre i lavoratori protesteranno contro le nuove aliquote del fondo complementare, il Fondo Gomma Plastica, che prevedono una tassazione in base agli scaglioni Irpef, cioè dal 23 al 43 per cento rispetto all'attuale, che va dal 9 al 15 per cento.
In merito all'equiparazione del rifinanziamento della quarantena uniformata alla malattia, il ministro del Lavoro Andrea Orlando ha detto ieri sera, dalla Festa dell'Unità di Modena, che la questione sarà discussa al prossimo Consiglio dei ministri.
I lavoratori hanno definito la posizione del ministro una "timida apertura" e si dicono pronti ad ulteriori iniziative di protesta.
Andrea Orlando, nuovo Ministro del Lavoro - Sputnik Italia, 1920, 30.08.2021
Quarantena e malattia, il ministro Orlando alla festa dell'Unità promette il ripristino
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала