Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Palù (Aifa): “I mezzi affollati di ragazzi saranno un punto critico, serve più sanificazione”

© Foto : fornita da Giorgio PalùGiorgio Palù
Giorgio Palù - Sputnik Italia, 1920, 31.08.2021
Seguici su
Oltre alle aule scolastiche, sono i trasporti il punto debole della lotta al coronavirus. A questi si aggiunge il basso tasso di vaccinazione della fascia di età tra i 12 e i 18 anni.
Il rischio focolai nell’ambiente scolastico c’è, ma la scuola “non è l’unico luogo di aggregazione pericoloso”; un’altra criticità da affrontare alla ripresa dopo le vacanze sono i mezzi pubblici affollati, con la capienza fino all’80%. Lo dice il virologo del Cts Giorgio Palù, presidente del consiglio di amministrazione dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) al Corriere della Sera.
I mezzi di trasporto affollati dagli studenti sono un possibile vettore di contagi, soprattutto, denuncia Palù, perché “non si è provveduto ad aumentare veicoli e corse né ad applicare la turnazione didattica per sfoltire gli assembramenti”.

Per mitigare i rischi, servono controllori che verifichino il rispetto delle misure di sicurezza e si dovrebbero “aggiungere sanificazioni e verifiche sui sistemi di trattamento dell’aria. Indossare le mascherine, sempre”.

Per ridurre, invece, i rischi a scuola, “nelle aule si dovrebbe garantire un efficace ricambio d’aria. Ideali sarebbero filtri idonei”.

Pochi ragazzi vaccinati e per i più piccoli c’è solo la mascherina

Secondo Palù “tra 12 e 19 anni la copertura vaccinale è pari al 53,4% con una dose e 29,7% con due dosi” e quindi “adolescenti di medie e superiori sono la categoria meno immunizzata e la più esposta”.
Un dato confermato dai ricoveri e i contagi dell’ultima settimana di agosto: “Il più alto tasso di casi (75%) e ricoveri (90%) riguarda i non vaccinati tra 12 e 39 anni”.
Palù poi commenta il progetto dei test salivari per i più piccoli, non ancora vaccinabili, e lo configura come un metodo di tracciamento aggiuntivo.
“Le scuole frequentate dai più piccoli sono luoghi chiusi che possono favorire situazioni difficili da gestire. L’adozione del green pass per docenti e assistenti sono provvedimenti che le rendono probabilmente più sicure di altri luoghi di aggregazione dei ragazzi”.
Scienziati al lavoro - Sputnik Italia, 1920, 25.08.2021
Lotta al coronavirus, enti di ricerca italiani studiano nuovi farmaci anti-COVID a base di peptidi
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала