Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a
 - Sputnik Italia, 1920, 18.09.2021
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Ministero Esteri cinese: “Il Consiglio di Sicurezza ONU non dovrebbe avere fretta sull’Afghanistan”

© Sputnik . Dmitry Astakhov / Vai alla galleria fotograficaConsiglio Sicurezza ONU
Consiglio Sicurezza ONU - Sputnik Italia, 1920, 31.08.2021
Seguici su
La Cina si è astenuta dal voto sulla risoluzione sull'Afghanistan al Consiglio di Sicurezza ONU per il fatto che non sarebbero state prese in considerazione le proposte razionali di Mosca e Pechino, ha dichiarato il portavoce del Ministero Esteri Wang Wenbin, secondo il quale il Consiglio dovrebbe agire con cautela nel trattare la questione.
Lunedì, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione di Regno Unito, Francia e Stati Uniti che chiede ai talebani* di adempiere ai loro obblighi, per garantire un'uscita libera e sicura per gli afghani e gli stranieri dall'Afghanistan.
Tredici nazioni hanno votato per la risoluzione, Russia e Cina si sono astenute. Il rappresentante permanente russo presso le Nazioni Unite, Vasily Nebenzya, ha affermato che una serie di preoccupazioni di Mosca non sono state prese in considerazione nel testo. In particolare, non viene menzionata la necessità di combattere l'ISIS* e il testo non riflette "l'inammissibilità delle conseguenze negative dell'evacuazione" di specialisti qualificati dall'Afghanistan per l'economia del Paese. Inoltre, la risoluzione non includeva la tesi sull'impatto negativo del congelamento dei beni finanziari afghani sulla situazione economica e umanitaria del Paese.
“Il rappresentante della Cina ha già espresso la nostra posizione dopo il voto (al Consiglio di sicurezza dell'ONU). I paesi interessati hanno fatto circolare in fretta la bozza di risoluzione la sera del 27 agosto, chiedendone l'adozione il 30 agosto. La Cina dubita fortemente della necessità e dell'urgenza dell'adozione di tale risoluzione e dell'equilibrio del contenuto della bozza", ha affermato il diplomatico.
Nebenzya ha sottolineato che la Cina, d’altra parte, ha partecipato alle consultazioni e, insieme alla Russia, ha avanzato proposte importanti e razionali, che, purtroppo, non sono state debitamente considerate.
Consiglio di sicurezza dell'ONU - Sputnik Italia, 1920, 30.08.2021
La situazione in Afghanistan
Afghanistan, Consiglio sicurezza Onu ai Talebani: “Rispettate gli impegni per chi vuole partire”
La Cina, ha spiegato, non sostiene la risoluzione in modo permanente dal momento in cui le nazioni autrici della bozza stanno cercando con tutti i mezzi di attuare una risoluzione, mentre le parti sono ancora in disaccordo.
"La situazione in Afghanistan ha subito cambiamenti fondamentali e qualsiasi azione intrapresa dal Consiglio di Sicurezza dovrebbe aiutare a disinnescare la situazione e non portare all'esacerbazione delle contraddizioni, dovrebbe contribuire a una transizione graduale della situazione in Afghanistan, e non alla ripresa del guerra", ha aggiunto.
Wang Wenbin ha sottolineato che il recente caos in Afghanistan sarebbe direttamente correlato al ritiro precipitoso e incontrollato del contingente militare straniero, e ha espresso la speranza che "i paesi interessati capiscano che il ritiro delle truppe non è la fine della responsabilità, ma la base per rivedere e correggere gli errori".

"Gli Stati Uniti e alcune nazioni occidentali dovrebbero fornire all'Afghanistan la necessaria assistenza economica e umanitaria, aiutare il popolo afghano a superare al più presto le difficoltà e intraprendere la strada della ricostruzione pacifica. Non possono voltarsi e andarsene, lasciando il caos nel Paese e nell’intera regione", ha aggiunto.

Secondo il ministro cinese, i recenti attacchi terroristici in Afghanistan dimostrerebbero ancora una volta che la guerra in Afghanistan non ha raggiunto l'obiettivo di distruggere le forze terroristiche nel Paese. Tutti gli Stati interessati dovrebbero ora adempiere ai propri obblighi in conformità con il diritto internazionale e le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per cooperare nella lotta contro le forze terroristiche internazionali.
"Non si possono applicare doppi standard e un approccio selettivo nella lotta al terrorismo", ha sottolineato.
*Organizzazione terroristiche e fondamentaliste illegali in Russia e altri paesi
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала