Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a
 - Sputnik Italia, 1920, 18.09.2021
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Afghanistan, l'ex capo della sicurezza di Bin Laden sarebbe rientrato nel paese

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaSituazione in Afghanistan
Situazione in Afghanistan - Sputnik Italia, 1920, 31.08.2021
Seguici su
In precedenza, Amin ul-Haq era stato detenuto in Pakistan per tre anni, venendo poi scarcerato per mancanza di prove sufficienti che lo accostassero ad al-Qaeda.
Amin ul-Haq, ex capo della sicurezza del defunto leader di al-Qaeda*, Osama bin Laden, sarebbe rientrato in Afghanistan poche ore prima del completamento del ritiro delle truppe statunitensi dalla nazione.

Lunedì è emerso un video che mostrerebbe ul-Haq tornare nella sua città natale, nella provincia di Nangarhar, in Afghanistan. Né il Pentagono né il Dipartimento di Stato hanno ancora commentato la notizia.

Nel filmato, un SUV che trasporta quello che sembra essere ul-Haq viene visto attraversare un posto di blocco in mezzo ad una piccola folla.

A un certo punto, l'auto si ferma e l'importante esponente di al-Qaeda abbassa il finestrino, prima che gli uomini, a turno, afferrino e bacino la sua mano. Il SUV è seguito da un convoglio di veicoli che trasportano guerriglieri armati, alcuni dei quali sventolano la bandiera dei talebani*.

Il video è emerso dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato, all'inizio di questo mese, che al-Qaeda sarebbe stata cacciata via dall'Afghanistan.
In apparente contraddizione, le osservazioni del presidente sono state messe in dubbio dal portavoce del Pentagono John Kirby, il quale ha affermato che la presenza di al-Qaeda nella regione non è "abbastanza significativa da rappresentare una minaccia alla nostra patria", rispetto ai numeri del gruppo terroristico nel 2001.

Chi era Amin ul-Haq

Ul-Aq era un coordinatore della sicurezza per la Guardia Nera di Osama bin Laden nei primi anni 2000, quando il terrorista più ricercato al mondo risiedeva nel complesso di grotte di Tora Bora, nell'Afghanistan orientale.

Secondo quanto riferito, i due sono fuggiti insieme quando le forze statunitensi hanno attaccato il complesso in questione, con ul-Haq che è stato poi arrestato nel Lahore, in Pakistan, nel 2008.
Tre anni dopo, tuttavia, il terrorista è stato rilasciato perché i funzionari pakistani non erano riusciti a provare i suoi legami con al-Qaeda.
*Organizzazioni terroristiche e fondamentaliste illegali in Russia e in molti altri paesi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала