Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Gelmini: “Salvini attacca il bersaglio sbagliato sui migranti. Ingiusto colpire Lamorgese”

© REUTERS / Remo CasilliMinistro per la pubblica amministrazione nel governo Draghi, Renato Brunetta e Ministra per gli affari regionali e le autonomie, Maria Stella Gelmini
Ministro per la pubblica amministrazione nel governo Draghi, Renato Brunetta e Ministra per gli affari regionali e le autonomie, Maria Stella Gelmini - Sputnik Italia, 1920, 29.08.2021
Seguici su
La ministra per gli Affari regionali difende la collega al Viminale sull’aumento degli sbarchi e invita i partiti al senso di responsabilità. Forza Italia a favore dell'obbligo vaccinale.
La ministra per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini è netta: “Non possiamo perdere neppure un giorno in polemiche: ogni partito, adesso, mostri senso di responsabilità”.
Un messaggio diretto alla Lega e in particolare al leader Matteo Salvini e ai suoi attacchi alla ministra dell’Interno Luciana Lamorgese sull’aumento degli sbarchi.
“La campagna elettorale per le amministrative, il semestre bianco, la corsa per il Quirinale non devono causare eccessive fibrillazione. Da questa crisi, pandemica ed economica, non siamo ancora usciti”, ammonisce Gelmini.
E “sull’immigrazione Salvini pone un problema reale, dopo il Covid c’è il rischio di una ripresa indiscriminata degli sbarchi. Ma il bersaglio è sbagliato: Lamorgese da sola non può fermare il fenomeno, è ingiusto prendersela con lei”.
Per la ministra, ancora una volta, serve la solidarietà nazionale ma anche europea.

Proseguire con Draghi e con il Pnrr

Parlando a Repubblica, Gelmini aggiunge che la sua preoccupazione è andare oltre le polemiche, i dibattiti sul Quirinale e le amministrative, perché “abbiamo un cronoprogramma per la spesa del Pnrr da realizzare, 53 riforme da fare. Non ci sono time-out, in questa partita”.
“Draghi - prosegue - è la nostra polizza assicurativa in Italia e in Europa, quindi l’invito rivolto a tutte le forze politiche di maggioranza è quello di gestire questa fase cum grano salis”.
Inoltre, se dovesse essere eletto presidente della Repubblica, “non c’è un sostituto possibile dell’attuale premier: se Draghi andasse al Colle, non si potrebbe che prendere la strada di nuove elezioni”.

Forza Italia è per l’obbligo vaccinale

Gelmini infine parla dell’annosa questione vaccini e green pass.
“Siamo favorevoli all’obbligo vaccinale. Non è un caso che la prima Regione a passare in giallo, la Sicilia, sia quella con il minor numero di iniezioni fatte e non per colpa degli amministratori”.
Per la ministra “se nel giro di qualche settimana non si raggiunge l’80% di immunizzati credo che sarebbe giusto prevedere una forma di obbligo vaccinale, almeno per chi svolge funzioni pubbliche”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала