Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Fedriga: “Adesso una campagna sui vaccini sul web per gli indecisi: Operazione verità”

© AP Photo / Gregorio BorgiaMassimiliano Fedriga
Massimiliano Fedriga - Sputnik Italia, 1920, 29.08.2021
Seguici su
L’invito del governatore del Friuli-Venezia Giulia al governo per sconfiggere la sacca di persone che non si fidano dei sieri e raggiungere l’immunità dell’80% sperando nel turismo anche invernale.
Una proposta per battere sullo stesso campo, quello dei social media e di internet, le notizie virali che seminano disinformazione sui vaccini. “Per convincere gli indecisi, lo diremo al governo, deve partire a settembre una grande campagna sul web, chiamiamola Operazione verità”. È la proposta di Massimiliano Fedriga, governatore del Friuli-Venezia Giulia e presidente della Conferenza delle Regioni che parla al Corriere della Sera.
Secondo Fedriga tra i milioni di persone che non si sono ancora vaccinati non ci sono soltanto No vax, "anzi la maggior parte è gente che semplicemente non si fida, che ha paura del vaccino. Perché non sa, perché s’informa sui social e non sui media tradizionali. E sui social c’è chi racconta loro menzogne”.
Per questo il governo deve "combattere con le stesse armi. Andare sui social e raccontare la verità: il vaccino è sicuro, è efficace. Prendiamo degli scienziati come testimonial, per fortuna ne abbiamo”.

L’immunità è ancora a portata di mano

Per il presidente della Conferenza delle Regioni l’obiettivo di immunizzare l’80% della popolazione entro il 30 settembre è ancora raggiungibile.
“Traguardo possibile, le provviste ci sono e ogni regione si sta dando da fare. Noi in Friuli-Venezia Giulia siamo partiti con i vaccini a domicilio: mezzi attrezzati per arrivare nei paesi più piccoli”.
Questo consentirà di portare avanti l’inizio dell’anno scolastico, fino a quando ci sarà anche la capienza dei mezzi pubblici all’80%: “Ma se la situazione sanitaria peggiora e la capienza scende al 50%, allora no. A quel punto non ci sarebbero mezzi sufficienti e per ordinarne di nuovi passerebbe troppo tempo”.
E le vaccinazioni, che quest’estate hanno salvato "il turismo e l’economia” potranno consentire, se "la campagna vaccinale andrà a buon fine” di avere anche una stagione turistica invernale: "L’inverno scorso è stata una tragedia”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала