Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Meloni e Orban discutono del futuro dei rifugiati: non gravino su UE

© Facebook / Girogia MeloniViktor Orbán e Giorgia Meloni
Viktor Orbán e Giorgia Meloni - Sputnik Italia, 1920, 28.08.2021
Seguici su
“Oggi ho avuto il piacere di salutare Viktor Orbán, in visita privata a Roma”, ha annunciato Giorgia Meloni postando una foto di lei con il primo ministro ungherese.
“Abbiamo fatto il punto sulle vicende internazionali di questi giorni, a partire dall’Afghanistan e dalla necessità di coinvolgere i paesi confinanti nell’accoglienza dei profughi senza gravare ulteriormente sull’Europa”, ha spiegato la presidente di Fratelli d’Italia.
Ed inoltre ha sottolineato che hanno “anche parlato di come sostenere la ripresa economica dalla pandemia. Insieme continuiamo a lavorare verso l’obiettivo comune di avere una destra europea sempre più forte e decisiva”.
I due politici hanno anche convenuto che bisognerà vigilare sulle possibili infiltrazioni terroristiche nell’Unione che ora potrebbero giungere lungo le rotte della migrazione. I due hanno bollato come catastrofica la gestione di Biden.

"Meloni e Orbán hanno condiviso la necessità che la comunità internazionale si faccia carico di questi rifugiati sostenendone l’accoglienza nei paesi limitrofi, senza gravare ulteriormente sull’Europa, e sulla necessità di vigilare attentamente sulle possibili infiltrazioni terroristiche”, si legge nella nota di Fratelli d’Italia.

Ad accompagnare Orbán il ministro della Famiglia e vicepresidente di Fidesk, Katalin Novak, mentre con Meloni vi era il responsabile esteri di Fratelli d’Italia Carlo Fidanza.
Meloni, poi, si è complimentata con Orbán per i 30 anni di crescita senza precedenti che l’Ungheria sta vivendo, che sono frutto della politica economica ungherese.
I due si sono ritrovati sui valori di sempre che li contraddistingue: rispetto delle sovranità nazionali, difesa della famiglia naturale, identità cristiana, economia sociale di mercato.
"L’occasione è stata importante anche per ribadire la stretta collaborazione tra Fidesz, Fratelli d’Italia e i Conservatori europei nel perseguire l’obiettivo comune del rafforzamento della Destra europea, nel nome del rispetto delle sovranità nazionali, della difesa della famiglia naturale e dell’identità cristiana, dell’economia sociale di mercato”, conclude la nota.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала