Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a
 - Sputnik Italia, 1920, 18.09.2021
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Atterrato a Fiumicino ultimo C-130 italiano da Kabul, Di Maio: non abbandoniamo popolo afghano

© REUTERS / Cpl. Davis Harris/U.S. Marine CorpsAeroporto di Kabul
Aeroporto di Kabul - Sputnik Italia, 1920, 28.08.2021
Seguici su
Si è conclusa l’operazione Aquila Omnia della Difesa italiana che aveva come obiettivo riportare nel Belpaese gli italiani presenti su suolo afghano e di portare nel nostro paese quegli afghani che avevano collaborato con le forse italiane.
Gli ultimi 56 civili sono atterrati da poco a Fiumicino insieme al console Tommaso Claudi che ha seguito le operazioni di evacuazione in prima linea dal tristemente noto “Dirty river”.
A bordo del C-130 dell’Aeronautica Militare italiana anche gli specialisti del Reggimento Tuscania dei Carabinieri che hanno seguito le operazioni di rimpatrio garantendo sicurezza all’attività dentro l’aeroporto e in alcuni casi anche all’esterno.
La prossima settimana giungeranno a Ciampino i militari ancora rimasti in Afghanistan e che smantelleranno le ultime attività italiane presenti sul campo, lo riporta il Corriere della Sera.
Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, si è detto molto preoccupato per la situazione che si è venuta a creare con gli attentati terroristici e la minaccia terroristica che potrebbe crescere nelle prossime settimane e mesi.

“Adesso inizia una fase due in Afghanistan, nella quale il nostro imperativo deve essere non abbandonare il popolo afghano, le donne afghane, le bambine afghane. C’è una grande preoccupazione per le minacce terroristiche, ed è per questo che nei prossimi giorni avremo altre riunioni con i nostri alleati per organizzare le prossime iniziative”, ha detto il ministro accogliendo a Fiumicino gli ultimi afghani atterrati lasciandosi alle spalle l’inferno e l’incertezza storica dell’Afghanistan del futuro.

Ha affermato che l'Italia sta lavorando a un G20 straordinario sull'Afghanistan.
"In queste ora sia io ma soprattutto il presidente Draghi stiamo avendo interlocuzioni con gli altri paesi che fanno parte di questo formato. Il nostro obiettivo è arrivare ad avere almeno sulle decisioni più importanti una linea condivisa nei confronti dell’Afghanistan, del popolo afghano e del futuro governo afghano a livello di paesi G20", ha dichiarato.
Ieri Di Maio ha incontrato il suo omologo russo, Sergey Lavrov. Parlando del summit G20 ha sottolineato che conta sulla "collaborazione" della Russia. La Russia sarà pronta a valutare una risposta concreta dell'Italia sul ruolo del G20 nella crisi afghana, ha detto in risposta Lavrov.

Quelli lasciati a Kabul

Di Maio non nasconde che a Kabul ci sono migliaia di “cittadini afghani che aspettano ancora di essere evacuati: non possiamo più farlo coi ponti aerei che abbiamo visto in questi giorni ma siamo pronti con le Nazioni Unite e con i paesi limitrofi all’Afghanistan a lavorare per garantire a queste persone che hanno collaborato con noi in questi 20 anni di poter avere la stessa possibilità che hanno avuto i quasi 5 mila cittadini afghani che abbiamo evacuato in questi giorni”, ha spiegato il ministro.
In queste ore si è diffusa una ipotesi, che altri civili potrebbero essere evacuati via terra con mezzi come autobus facendogli attraversare il vicino confine del Pakistan, che da Kabul dista 240 chilometri.
Il volo dell’Aeronautica Militare da Kabul - Sputnik Italia, 1920, 27.08.2021
La situazione in Afghanistan
Di Maio: da Kabul partito ultimo volo militare con ambasciatore, console e civili afghani
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала