Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Addio allo smartworking, Brunetta: "A fine settembre rientro in presenza degli statali"

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaDonna in smart working
Donna in smart working - Sputnik Italia, 1920, 27.08.2021
Seguici su
Il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta annuncia: "Da settembre rientro in presenza dei dipendenti pubblici per accompagnare il boom economico".
A fine settembre i dipendenti pubblici italiani dovranno dire addio allo smartworking. Non c’è ancora una data specifica per il ritorno in ufficio. Ma il ministro della Pubblica amministrazione in quota Forza Italia, Renato Brunetta, da Cisternino, in Puglia, traccia la road map che porterà al ritorno alla normalità negli uffici pubblici.
“Sulle vaccinazioni siamo all’ultimo miglio, mancano dieci o quindici giorni con la somministrazione di 500-600mila dosi e abbiamo raggiunto l’equilibrio della sicurezza e l’immunità di gregge”, ha detto l’economista ai microfoni della tv locale, Antenna Sud, che lo ha intervistato a margine del Festival dei Sensi, ospitato nella città del Brindisino.
“La partita ovviamente – ha aggiunto - non è chiusa, ma così potremmo affrontare l’autunno in piena sicurezza, con la riapertura delle scuole e il rientro in presenza di tutta la pubblica amministrazione entro fine settembre per accompagnare il boom economico che è in atto”.
Brunetta sottolinea come l’attuale crescita del 6 per cento su base annua rappresenti una cosa “mai successa nel nostro Paese”. Un risultato ottenuto “senza avere ancora speso un euro delle risorse europee, dovuto in parte, ammette il ministro, “al rimbalzo rispetto all’anno precedente”, ma soprattutto alla ritrovata “credibilità del nostro Paese, data dal premier Draghi e dalle riforme”.
Ministro per la pubblica amministrazione nel governo Draghi, Renato Brunetta - Sputnik Italia, 1920, 01.08.2021
Brunetta alla Pa, a settembre tornate in ufficio e carriera legata al Recovery
L’obiettivo, ora, è di andare oltre, per poter “recuperare in due anni tutto quello che abbiamo perso nel 2020”. Secondo un report citato dal Messaggerot, infatti, un ritorno dei dipendenti pubblici negli uffici potrebbe determinare una crescita aggiuntiva del 2 per cento, pari a circa 30 miliardi di Pil.
Questo perché il ritorno in presenza dei lavoratori della pubblica amministrazione avrebbe ripercussioni positive su tutta una serie di settori: dall’abbigliamento alla ristorazione, alla caffetteria, capace di far guadagnare al Pil, già dopo un anno dal rientro, almeno due punti percentuali su base annua.
Restano da capire, però, quali saranno le modalità del ritorno alla scrivania di migliaia di funzionari e dirigenti.
Il ministro, ad esempio, è favorevole all’estensione dell’obbligo di mostrare il green pass per accedere agli uffici pubblici. La questione è tra i dossier al vaglio del governo, e una decisione potrebbe arrivare nelle prossime settimane.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала