Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Toti: vaccinatevi, o chiudiamo tutto di nuovo; Zaia: green pass qui per lungo tempo

© Sputnik . Eliseo BertolasiManifestazione no Green pass a Milano
Manifestazione no Green pass a Milano  - Sputnik Italia, 1920, 25.08.2021
Seguici su
“L'alternativa è tra il vaccinare le persone o richiudere il Paese, in questi casi bisogna scegliere la riduzione del danno”, lo ha detto il presidente della Regione Liguria e cofondatore di Coraggio Italia, Giovanni Toti, parlando stamani a Radio 24.
Toti si schiera così contro Matteo Salvini, il quale ieri durante il Meeting di Rimini di Comunione e Liberazione aveva confermato che “qualsiasi obbligo, qualsiasi multa o discriminazione” per lui non vanno bene.
“Se ragioniamo in termini ideali – riflette Toti – in qualche salotto intellettuale nessuno è contro la libertà e io sono il più grande liberale del Paese, ma la mia libertà finisce dove comincia la libertà di mio nipote di tornare all'Università, di mia moglie di andare a lavorare e di un mio vicino di casa di aprire la sua bottega”, arringa Toti “e se le loro libertà venissero impedite a causa di un mio comportamento sconsiderato ed egoista, credo che le loro libertà valgano un po' di più”, conclude bacchettando chi questa riflessione la mette nel cassetto per ragioni elettorali.

Zaia sicuro che il green pass ci accompagnerà per lungo tempo

“Sul green pass le decisioni sono governative dettate da linee guida del Cts e dell'Iss. È inevitabile che questa forma di certificazione ci accompagnerà ancora”, intanto riferisce oggi Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, citato dall'Ansa.
Zaia ricorda che “siamo passati dalla modalità francese, con obbligo stretto, ad una 'sartoriale' italiana dove si è deciso che per alcune forme di vita di comunità ci voglia il green pass. È chiaro che se si vede la questione dalla parte di chi non ce l'ha con la necessità del tampone diventa problematica, ma se spostiamo l'osservatorio e guardiamo l'80% delle persone vaccinate, queste dicono 'io mi sono tutelato, ho fatto anche un sacrificio non capisco perché devo essere io a doverci rimettere'.”
Insomma, Zaia non è contro il green pass e pensa più al sacrificio di chi si è messo in regola che a chi non vuol regolarizzarsi con il vaccino. Una visione oggettivamente diversa da Salvini, pur appartenendo allo stesso partito: la Lega.
“Il problema c'è, io spero che si venga fuori da questa partita del Covid senza che ci sia una società spaccata a metà”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала