Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Eurovision 2022: Roma esclusa dalla rosa delle città, il caso diventa politico

© Sputnik . Vladimir Astapkovich / Vai alla galleria fotograficaУчастники итальянской группы Maneskin, победившей в финале международного конкурса "Евровидение-2021"
Участники итальянской группы Maneskin, победившей в финале международного конкурса Евровидение-2021 - Sputnik Italia, 1920, 25.08.2021
Seguici su
Grazie alla vittoria dei Maneskin all’Eurovision Song Contest 2021, svoltosi ad Amsterdam, l’Italia sarà la prossima nazione ad ospitare l'importante evento musicale europeo.
In questi mesi, quindi, è partita la ricerca della città che dovrà ospitare la competizione canora del 2022, con la candidatura di 17 città italiane. Naturalmente, Roma era data come favorita per ospitare una tale competizione, sia perché si tratta della capitale, nonchè per la sua storia, ma anche perché i Maneskin sono romani.
E invece l’amministrazione di Virginia Raggi porta a casa un’altra sconfitta cocente. La città è stata esclusa dalla fase finale perché non ha presentato uno spazio adeguato ad ospitare la competizione.
Che sia una maledizione? Perché i grandi eventi, da quando Virginia Raggi è al Campidoglio, pare che proprio non si possano svolgere nella Capitale? Prima le Olimpiadi del 2024, che si svolgeranno a Parigi, e ora l'Eurovision.
Il Colosseo - Sputnik Italia, 1920, 10.08.2021
Olimpiadi: Quando la Raggi disse no a Roma 2024, Zingaretti polemizza
Il posto, a dire il vero, era stato anche trovato, ma al Palalottomatica, proprio nel periodo in cui sarà in corso di svolgimento l’edizione 2021 dell’Eurovision Song Contest, sarà in programma l'appuntamento, ironia della sorte, con Notre Dame de Paris, uno spettacolo di alto livello che non si può certamente spostare o disdire.
Roma ha così proposto la Nuova Fiera di Roma come locazione, ma l’altezza del soffitto non è conforme agli standard richiesti dalla competizione canora di alcuni metri. Sfuma così per Roma anche questa opportunità.
L’assessora allo Sport e ai Grandi Eventi di Roma, Veronica Tasciotti, nominata nel ruolo a pochi mesi dalla fine del mandato di Virginia Raggi, su Facebook ha così descritto la situazione:
“Gli organizzatori ci hanno scritto, complimentandosi per la bontà della nostra proposta e per l’impegno profuso nel cercare una soluzione alternativa, che purtroppo, in termini di impianti, non c’era. Ciò detto, era nostro dovere proporre la Capitale per l’edizione 2022 dello show, e abbiamo fatto tutto quanto in nostro potere per concretizzare quest’omaggio ai Maneskin, e alla nostra città. Li ospiteremo al Circo Massimo il prossimo luglio 2022, per far sentire loro il calore e l’abbraccio di Roma”.

La contestazione politica

E mentre il presidente dell’Assemblea capitolina, Marcello de Vito, ex grillino passato a Forza Italia, ha richiesto una interrogazione urgente sulla questione, i candidati sindaco alle prossime amministrative ne approfittano.
Roberto Gualtieri scrive: “Roma resta fuori dalla corsa per l’Eurovision Song Contest. Un’altra prova di superficialità e inefficienza dell’amministrazione Raggi”.
Poco interessata la risposta di Carlo Calenda, che si è limitato a riprendere il tweet di un suo candidato consigliere.
Virginia Raggi, sindaco di Roma Capitale - Sputnik Italia, 1920, 12.08.2021
Sindaca Raggi sul vaccino: "Non mi sento di dire se sono favorevole o contraria"
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала