Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, Crisanti: "L'approvazione del vaccino Pfizer da parte della FDA apre all'obbligo vaccinale"

Andrea Crisanti - Sputnik Italia, 1920, 24.08.2021
Seguici su
L'Ente regolatorio americano lunedì ha dato l'approvazione completa e definitiva al vaccino contro il Covid di Pfizer/Biontech. Per il virologo dell'Università di Padova, questa mossa potrebbe giustificare l'imposizione di un obbligo alla vaccinazione.
L'autorizzazione piena e definitiva del vaccino Pfizer apre la strada all'obbligo? "Certo". Il professor Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell'università di Padova, risponde in maniera inequivocabile durante la sua partecipazione a In Onda, trasmessa lunedì sera su La7.

"Un vaccino approvato certifica che non ci sono rischi per le persone che si sottopongono alla vaccinazione e, in qualche modo, viene giustificato l’obbligo. Ema e Aifa in genere seguono l’Fda: mi aspetto che l’ente europeo e quello italiano adottino lo stesso provvedimento, è questione di giorni", spiega.

Per Crisanti, in Italia, la Sicilia è un caso emblematico. La regione rischia a fine mese il passaggio in zona gialla per l'aumento dei contagi, dovuto ad una copertura vaccinale insufficiente.
"Il caso della Sicilia ci fa vedere cosa succede se non si raggiungono livelli importanti di protezione. Il livello di protezione che avremo a ottobre-novembre dipende da 3 fattori. Il primo dipende dalla durata della protezione indotta dal vaccino, non si sa con certezza, anche se alcuni dati indicano che non duri oltre 10-12 mesi. Poi, dipende dalla percentuale di persone vaccinate. E infine, dipende dall’emergere di varianti resistenti al vaccino. Questi 3 fattori combinati ci diranno cosa succederà in autunno", dice ancora.
Il virologo ha risposto anche ad una domanda su uno dei temi caldi riguardanti la vaccinazione, ovvero la possibilità di somministrare una terza dose di vaccino per la diffusione della variante Delta.
"Dovremo pensarci - afferma - se i dati da Israele ci diranno che la terza dose protegge. Se le varianti sono resistenti al vaccino, si possono fare 3 o 4 dosi, ma il problema non cambia: bisognerebbe aggiornare il vaccino".
In Italia sono state somministrate 75.622.961 dosi di vaccino anti-Covid, su un totale di 81.203.630 ricevute, dall'inizio della campagna di vaccinazione, secondo il report Aifa aggiornato ad oggi.. Le persone che hanno completato il ciclo di immunizzazione con le due dosi, o il vaccino monodose, sono 36.532.211, il 67,64 % della popolazione over 12.
Vaccino Pfizer - Sputnik Italia, 1920, 23.08.2021
Il vaccino Pfizer riceve l'approvazione definitiva dalla FDA
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала