Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Coldiretti: temporali e maltempo dopo la siccità, aumenta il conto dei danni

CC0 / Pixabay.com / Maltempo Italia
Maltempo Italia - Sputnik Italia, 1920, 23.08.2021
Seguici su
Nella torrida estate 2021 gli incendi e la siccità hanno provocato danni all'agricoltura per oltre un miliardo, ma il bilancio rischia di essere aggravato dai temporali e dalle grandinate previsiti per l'autunno.
L'arrivo dei temporali fa salire il conto dei danni nelle campagne. Lo afferma Coldiretti in riferimento all'allerta maltempo lanciata dalla Protezione civile in cinque regioni del nord, per manifestazioni temporalesche, intensi rovesci, locali grandinate e forti raffiche di vento.
Le coltivazioni sono già provate duramente dal caldo e dalla siccità che ha seccato la terra, rovinando il raccolto di frutta e verdura e impoverendo le coltivazioni di mais, soia, girasole e pomodoro da conserva. Inoltre, gli incendi hanno tagliato la disponibilità di foraggio per gli animali, mettendo in difficoltà gli allevamenti.

"La pioggia – spiega la Coldiretti – è attesa per combattere la siccità nelle campagne, ma, per essere di sollievo, deve durare a lungo, cadere in maniera costante e non troppo intensa".

I temporali e le violente piogge, invece, danneggiano l'agricoltura, perché il terreno non riesce ad assorbire l'acqua che cade violentemente, rischiando di provocare frane e smottamenti.
Coldiretti punta il dito contro i cambiamenti climatici, alla base dei fenomeni estremi che hanno caratterizzato il clima torrido di quest'estate, che ha favorito la propagazione di incendi e causato mancanza d'acqua per via delle scarse precipitazioni.

"I cambiamenti climatici con le precipitazioni sempre più intense e frequenti, con vere e proprie bombe d’acqua, si abbattono infatti – sottolinea la Coldiretti – su un territorio reso più fragile dalla cementificazione e dall’abbandono, con il risultato che sono saliti a 7252 i comuni italiani, ovvero il 91,3% del totale, che sono a rischio frane e/o alluvioni, secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Ispra".

Nonostante i cambiamenti climatici, l’Italia resta un Paese piovoso. Annualmente, cadono in media 300 miliardi di metri cubi d’acqua, ma, per le carenze infrastrutturali, se ne trattiene solo l’11%. Per risparmiare acqua, Coldiretti suggerisce di aumentare la capacità di irrigazione e incrementare la disponibilità di cibo per le famiglie, con un progetto concreto immediatamente cantierabile nel Recovery plan, un "intervento strutturale reso necessario dai cambiamenti climatici, caratterizzati dall’alternarsi di precipitazioni violente a lunghi periodi di assenza di acqua, lungo tutto il territorio nazionale".
Il progetto prevede la realizzazione di una rete di piccoli invasi diffusi sul territorio, ma a basso impatto paesaggistico, privilegiando il completamento e il recupero di strutture già presenti, in modo da instradare velocemente il progetto e ottimizzare i risultati finali.
"L’idea è di 'costruire', senza uso di cemento per ridurre l’impatto l’ambientale, laghetti in equilibrio con i territori, che conservano l’acqua per distribuirla in modo razionale ai cittadini, all’industria e all’agricoltura, con una ricaduta importante sull’ambiente e sull’occupazione", conclude Coldiretti.
Intervento dei Vigili del Fuoco - Sputnik Italia, 1920, 14.08.2021
Incendi in Italia, Coldiretti fa il conto: spegnere le fiamme costa 10mila euro all'ettaro
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала