Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a
 - Sputnik Italia, 1920, 18.09.2021
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Afghanistan, a Fiumicino arrivati altri 203 profughi

© Foto : Ra BoeAeroporto di Fiumicino
Aeroporto di Fiumicino - Sputnik Italia, 1920, 23.08.2021
Seguici su
Dopo essere stati sottoposti alle procedure anti-Covid, i rifugiati saranno ora ripartiti tra varie strutture di accoglienza.
Altri 203 profughi di nazionalità afghana sono atterrati, questa mattina, presso l'aeroporto di Fiumicino, a Roma, in provenienza da Kabul.
I rifugiati sono giunti in Italia grazie al ponte aereo organizzato tra Kabul e Roma dal Ministero della Difesa.
Il gruppo, prima di arrivare a Roma. ha fatto scalo a Kuwait City. Ora tutti gli evacuati saranno sottoposti a protocollo anti-Covid per poi essere trasferiti in strutture dedicate alla loro accoglienza.
Nella giornata di ieri, un altro gruppo di 211 afghani era atterrato presso il principale aeroporto della Capitale.
Con questi arrivi, sono oltre 1.700 gli afghani messi in salvo grazie al ponte aereo Kabul-Roma approntato nell'ambito dell'operazione Aquila 1.
Luigi Di Maio a Matera - Sputnik Italia, 1920, 22.08.2021
La situazione in Afghanistan
Afghanistan, Di Maio: "Imprescindibile evacuare chi ha collaborato. In Italia saranno 2.500"
L’operazione Aquila Omnia è pianificata e diretta dal COVI, Comando Operativo di Vertice Interforze, comandato dal Generale Luciano Portolano. Per il ponte aereo, la Difesa ha messo in campo otto voli dell'Aeronautica militare, quattro KC767 che si alternano tra l’area di operazione e l’Italia e quattro C130J, questi ultimi dislocati in Kuwait.
Nella complessa operazione di ponte aereo Roma-Kabul sono impegnati, su disposizione del ministro della Difesa Lorenzo Guerini, oltre 1.500 militari italiani del Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI), il personale del Joint Force HQ (JFHQ), del Comando Operazioni Forze Speciali (COFS), della Joint Evacuation Task Force (JETF), della Joint Special Operation Task Force (JSOTF), del Comando Operazioni Aerospaziali AM (COA), della 46^ Brigata Aerea, del 14° Stormo dell’Aeronautica Militare, della Task Force Air di Al Salem (Kuwait), oltre a tutti i militari delle Forze Armate e dei Carabinieri preposti alla accoglienza e alla gestione dei rifugiati al loro arrivo in Italia.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала