Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scempio a Palermo, spiaggia di Mondello inquinata dai liquami: emesso divieto di balneazione

© Sputnik . Aleksandr Vilf / Vai alla galleria fotograficaPalermo
Palermo - Sputnik Italia, 1920, 21.08.2021
Seguici su
Nelle acque della rinomata località turistica siciliana è emersa una situazione di "grave inquinamento da colibatteri" con valori superiori sino a dodici volte il limite di legge. Ignote le cause si ipotizza uno sversamento illegale di liquami da allacci abusivi.
Primo giorno con divieto di balneazione a Mondello, la spiaggia di Palermo, rinomata meta turistica per i vacanzieri amanti del mare. L'ordinanza è stata emessa venerdì dal sindaco Leoluca Orlando in seguito a campionamenti ordinari effettuati il 18 agosto scorso dall'Asp 6, da cui è emersa "una situazione di grave inquinamento".
Il provvedimento temporaneo interessa Modello e l'Addaura per alcuni tratti di mare, in particolare nei pressi di Punta Praiola, in cui i livelli di inquinamento da colibatteri vanno dal doppio fino a dodici volte i massimi consentiti. Le rilevazioni riguardano la contaminazione da Escherichia coli ed Enterococchi intestinali, batteri che indicano la presenza di liquami nelle acque.
Il divieto resterà in vigore finché i nuovi campionamenti non verificheranno il rientrato allarme nelle acque antistanti piazza Valdese, le zone a est e a ovest del Club Lauria e gli scivoli a mare di via Colapesce.
Il sindaco ha inoltre immediatamente disposto dei controlli straordinari da parte del Nopa della Polizia municipale, che condurrà le indagini per individuare cosa provoca l'alto livello di inquinamento.
L'ipotesi è quella di allacci illegali forse dalle ville attigue. Il Nopa ha infatti confermato che nella zona non esistono scarichi abusivi tali da determinare una tale concentrazione di colibatteri, "fatto questo – commenta Orlando – che ci fa temere che da parte di qualche incivile criminale sia stato effettuato uno sversamento illegale di liquami, tale da determinare una tale eccezionale concentrazione di inquinanti”.
L’Asp, responsabile dei controlli, ha già disposto ulteriori campionamenti e la situazione viene monitorata costantemente per verificare la condizione di salubrità e balneabilità delle acque. Intanto, nel primo giorno di divieto, tanti turisti ignari del divieto, a causa dell'assenza di cartelli segnaletici, continuano a bagnarsi nelle acque di Mondello.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала