Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Autunno rovente per il portafoglio, in arrivo la stangata su metano ed energia elettrica

© AP Photo / Koji Sasahara, FileNave cargo per il gas naturale liquefatto
Nave cargo per il gas naturale liquefatto - Sputnik Italia, 1920, 19.08.2021
Seguici su
I cambiamenti in atto a livello globale spingono verso una maggiore adozione dei gas come fonte produttiva dell'energia, e di conseguenza i prezzi salgono.
Anche il prossimo autunno si preannuncia rovente, soprattutto per il portafoglio delle famiglie italiane. Il metano, in particolare, è scambiato a 45–46 euro per mille chilowattora, mentre, in primavera, costava appena 20 euro, rende noto Il Sole 24 Ore.
E il caro metano non è un caso isolato, poiché anche il prezzo del gas naturale è salito esponenzialmente da aprile ad oggi, portandosi dai 2,5 USD di valore agli attuali 3,8 USD, ma con punte di prezzo anche superiori ai quattro dollari.
E mentre cresce la richiesta di metano e gas naturale, è facile intuire che le industrie che fanno largo uso di queste materie prime per generare energia scaricheranno i costi sui beni di consumo.
Inoltre, dovremo attenderci delle bollette decisamente più care non solo sul consumo di metano e gas, ma anche per quanto riguarda la componente di energia elettrica.

L’inflazione non è passeggera

A quanto pare, nonostante le rassicurazioni sulla temporaneità di un aumento dell’inflazione, le cose non appaiono essere proprio così.
L’Eurostat ha reso noto ieri che a luglio l’inflazione è salita al 2,2% nell’area dell’euro a 19 (era 1,9% a giugno), mentre nell’Unione Europea a 27 è salita al 2,5% (era del 2,2%).

La crescita del metano non è una sorpresa

Per gli analisti economici che seguono i trend questo aumento non è una sorpresa, e, se vogliamo, è anche dovuto al cambiamento in corso nella mentalità delle persone.
L’emergenza climatica ha aperto gli occhi a molti, che ora fuggono dai combustibili fossili come il carbone, ma, non trovando altre alternative valide, abbracciano il gas. Questi ultimi sono pur sempre fossili, ma il potere inquinante è minore rispetto al carbone e al petrolio.
Sta crescendo la domanda di gas naturale e di metano, quindi attendiamoci altri rincari, e non temporanei, ma strutturali.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала